Noel Gallagher ha perso gli appunti con molti testi inediti degli Oasis del periodo di 'Definitely Maybe'

Il quaderno è andato perduto quando la band è stata buttata fuori da un hotel di Manchester.

Noel Gallagher ha perso gli appunti con molti testi inediti degli Oasis del periodo di 'Definitely Maybe'

Lo ha raccontato lo stesso cantautore di Manchester nel corso del podcast “Funny How?” di Matt Morgan, spiegando: “Ho perso un sacco di testi del primo periodo degli Oasis”. Testi che risalgono, nello specifico, al periodo in cui la formazione brit pop capitanata dai fratelli Gallagher stava lavorando al suo debutto discografico, “Definitely Maybe”, uscito nell’agosto del 1994. Spiega Noel Gallagher: “Siamo stati sbattuti fuori da un hotel di Manchester, The Britannica, The Midland…uno di quelli…dalla polizia. E un quaderno con i testi è andato perduto”. Che qualcuno l’abbia ritrovato? La voce di “Don’t Look Back in Anger” non è ottimista: “Non è riapparso ed era il 1993 o il 1994, quindi qualcuno deve averlo buttato in un cestino. O no?”.

Proseguendo nella sua chiacchierata con Matt Morgan il maggior dei fratelli Gallagher ha anche condiviso alcune considerazioni a proposito dello sbarco degli Oasis negli States, che secondo il musicista avrebbe potuto andare meglio: “Era l’inizio del nostro grande ingresso in America e il nostro primo concerto era un caos assoluto di droga e alcool”, ha ricordato Gallagher. Aggiunge poi il cantautore britannico: “Quella parte del tour non la ricordo davvero. Erano giorni folli. È stato divertente. Ma oggi il pensiero di quei giorni, quell’eccesso rivisto ora che ancora si fanno concerti sarebbe assurdo a questa età”. Tra le droghe più in voga tra le fila della band brit pop Gallagher ricorda soprattutto la cocaina, sostanza a proposito della quale l’artista si è recentemente espresso sempre per “Funny How?”, raccontando come e quando ha smesso di farne uso.

Dopo lo scioglimento degli Oasis Noel Gallagher ha proseguito il suo percorso artistico con gli High Flying Birds, con i quali l’artista ha dato alle stampe i tre album solisti “Noel Gallagher's High Flying Birds” (2011), “Chasing Yesterday” (2015) e il più recente “Who Built the Moon?” (2017). Negli anni successivi Noel Gallagher ha pubblicato anche diversi EP, l’ultimo dei quali, “Blue Moon Rising”, risale al marzo 2020.

Dall'archivio di Rockol - Oasis: "la band più grande di Dio"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.