Taylor Swift scrive a Trump dopo la morte dell'afroamericano: 'A novembre ti cacceremo via'

La popstar statunitense interviene nella vicenda della morte di George Floyd. E minaccia il presidente degli Usa.
Taylor Swift scrive a Trump dopo la morte dell'afroamericano: 'A novembre ti cacceremo via'

"Dopo aver alimentato il fuoco con la supremazia bianca e il razzismo per tutta la durata della tua presidenza hai pure la faccia tosta di fingere superiorità morale e minacciare violenza? 'Se iniziano i saccheggi, si spara'.

A novembre ti cacceremo via": con un durissimo post pubblicato su Twitter Taylor Swift attacca il Presidente degli Stati Uniti d'America Donald Trump e interviene nella vicenda della morte di George Floyd, l'afroamericano che ha perso la vita lo scorso lunedì a Minneapolis dopo essere stato ammanettato e bloccato a terra da un poliziotto bianco. Il riferimento è al tweet pubblicato da Trump qualche ora fa, uno di quelli censurati da Twitter, che l'ha accusato di violazione dei propri standard sull'esaltazione della violenza. Il presidente statunitense, parlando dei disordini scoppiati a Minneapolis come reazione alla morte del 46enne afroamericano (con .un passato da rapper), aveva cinguettato: "Se ci sono difficoltà, assumeremo il controllo. Ma quando parte il saccheggio, si inizia a sparare".

Il tweet della popstar suona come una presa di posizione politica netta. E non è la prima volta che Taylor Swift esplicita i suoi pensieri in materia di politica e società statunitense. Nell'ottobre del 2018 - in piena campagna elettorale - la cantante interruppe un lungo silenzio sulla politica che durava dall'inizio della sua carriera ("non ne parlo perché potrei influenzare altre persone e non credo di saperne abbastanza per suggerire alla gente come votare", aveva detto in passato) per esprimere pubblicamente il suo supporto a due democratici del Tennessee candidati nella corsa di mid-term negli Stati Uniti. In quel caso
era stato proprio Trump a scriverle : "Diciamo che adesso la musica di Taylor Swift mi piace il 25% in meno, ok?", aveva commentato il presidente americano, non senza ironia.

All'inizio di quest'anno, invece, la Swift aveva puntato il dito contro i politici statunitensi in "Only the young", una canzone tratta dal suo documentario "Miss Americana", rei di essere troppo impegnati ad occuparsi dei loro problemi e dunque incapaci di risolvere i problemi degli States.

Donald Trump, per ora, non ha risposto al tweet della cantante, ma non è escluso che lo faccia nelle prossime ore.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.