Scheletri nell’armadio: i piaceri (musicali) inconfessabili di... (1 / 11)

Gli inglesi li chiamano "guilty pleasures": cioè quei piaceri che ci concediamo quasi di nascosto, e per i quali ci sentiamo un po' colpevoli. Ecco quali sono, in campo musicale, i "guilty pleasures" dello staff di Rockol.
Scheletri nell’armadio: i piaceri (musicali) inconfessabili di...

Pensando a quali sono i miei scheletri nell’armadio mi sono resa conto che, la maggior parte, sono canzoni legate a ricordi d’infanzia. E, in qualche modo, sono brani che rappresentano quell’indole infantile che non ho mai perso. Proprio per questo sono pezzi che, seppur inconfessabili, ascolto ancora quando ho bisogno di un po’ di spensieratezza.
(Elena Palmieri)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.