Coronavirus, la discografia contro il governo. Cerruti (AFI): 'Sviste inaccettabili'

I rappresentanti delle varie associazioni lanciano un grido d'allarme.
Coronavirus, la discografia contro il governo. Cerruti (AFI): 'Sviste inaccettabili'

La discografia italiana è sul piede di guerra dopo la "sparizione" degli aiuti al settore discografico nel testo definitivo del Decreto Rilancio approvato dal governo e firmato ieri dal presidente della Repubblica. Nel decreto, denunciano i rappresentanti delle varie associazioni di categoria, non ci sono accenni di aiuti all'industria musicale, come quelli che vengono invece riservati a cinema ed editoria libraria. Dopo un comunicato congiunto diffuso ieri, arrivano ora le proteste dei rappresentanti delle varie associazioni. Come Dario Giovannini, vicepresidente di PMI (Produttori musicali indipendenti) e dg di Carosello Records, che ha lanciato un allarme ("Dimenticarsi della discografia significa paralizzare un'intera filiera"). E come Sergio Cerruti, dj dal 2018 a capo di AFI (Associazione fonografici italiani, che riunisce 140 aziende produttrici).

    La discografia italiana è sul piede di guerra dopo la "sparizione" degli aiuti al settore discografico nel testo definitivo del Decreto Rilancio approvato dal governo e firmato ieri dal presidente della Repubblica. Nel decreto, denunciano i rappresentanti delle varie associazioni di categoria, non ci sono accenni di aiuti all'industria musicale, come quelli che vengono invece riservati a cinema ed editoria libraria. Dopo un comunicato congiunto diffuso ieri, arrivano ora le proteste dei rappresentanti delle varie associazioni. Come Dario Giovannini, vicepresidente di PMI (Produttori musicali indipendenti) e dg di Carosello Records, che ha lanciato un allarme ("Dimenticarsi della discografia significa paralizzare un'intera filiera"). E come Sergio Cerruti, dj dal 2018 a capo di AFI (Associazione fonografici italiani, che riunisce 140 aziende produttrici).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.