Cesare Cremonini: "Il concerto è un’esperienza che non ha alternativa"

Il cantautore ragiona sullo spostamento dei suoi concerti al 2021
Cesare Cremonini: "Il concerto è un’esperienza che non ha alternativa"

"Più che alle cancellazioni guardo allo slancio della riprogrammazione": è positivo, Cesare Cremonini: in una lunga intervista ad Andrea Laffranchi del Corriere, il cantautore bolognese ragiona sul presente e sul futuro della musica dal vivo dopo la decisione dei promoter di spostare i grandi eventi live al 2021, in ottemperanza alle norme stabilite dal nuovo DPCM per gli spettacoli dal vivo. "Spero che questa fase serva per dare una considerazione diversa alla categoria di chi lavora nei concerti e per aprire un confronto che, partendo dalle misure di sicurezza, affronti la mancanza di spazi adeguati alla musica", ragiona Cremonini.
Ecco i punti salienti dell'intervista

A proposito delle parole del premier conte sugli "Artisti che fanno divertire"

Non ha sbagliato i termini, anzi. Ha ingenuamente definito in modo perfetto un fenomeno disastroso, non solo italiano, di metamorfosi della parola cultura, intesa unicamente come svago. Il messaggio purtroppo è: la cultura o diverte o non è cultura. Ha dato una lettura dei tempi perfetta da cui deve e può nascere una profonda discussione

Sui concerti ripensati con il modello Drive-in o Streaming

Dietro gli artisti c’è una filiera di professionisti che farà nascere idee per fare fronte a un periodo che, ne sono certo, avrà fine.(...) Il concerto è un’esperienza che non ha alternativa.

Sulla questione voucher/rimborso

In queste settimane ho visto un Paese compatto di fronte a decisioni più difficili. Lo dico con orgoglio. Il rimborso farebbe crollare un intero sistema. La riconversione va bene, a patto che noi si metta tutto l’impegno perché questo denaro si traduca in spettacoli bellissimi

Sulla sua quarantena:

La mia giornata ideale in tempi normali è questa: sveglia alle 6.30, bacio a Martina che dorme ancora, vado in studio fino alle 22 e poi via a cercare la notte insieme. Stando con lei 24 ore su 24 è come se avessimo vissuto insieme 12 anni. È servito a capire che stiamo bene insieme (...)

Sono un cavallo da corsa: da quando ho iniziato a 18 anni non mi sono mai fermato. Con questo stop ho messo in ordine la mia vita dopo un periodo in cui c’è stata la morte di mio padre e i 40 anni. Ho ristrutturato me stesso. Anche nella vita professionale. Per me esiste un pre e post coronavirus. Questo è un nuovo tempo della mia vita. Inizia tutto adesso

 

Dall'archivio di Rockol - Cesare Cremonini e i suoi "Possibili scenari"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
1 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.