Razzini (Warner) e Ferrante (Artist First): "Gli artisti non sono giullari di corte"

I commenti amareggiati di due esponenti dell'industria discografica

Razzini (Warner) e Ferrante (Artist First): "Gli artisti non sono giullari di corte"

Dopo il discorso di ieri sera, mercoledì 13 maggio, del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, due esponenti dell'industria discografica hanno reagito ad un'affermazione dell'uomo politico.

Ecco il commento via social di Roberto Razzini (Warner Chappell):

“Del discorso del Presidente Conte, un passaggio mi ha colpito.
Mi ha colpito quando ha pronunciato la frase ‘Per i nostri artisti, che ci fanno divertire’.
Questa affermazione rappresenta la considerazione che questo Governo e queste Istituzioni dimostrano di avere per il mondo dello spettacolo, dell’intrattenimento in tutte le sue forme: musica, cinema, teatro, arte in genere.
Questa affermazione mi ha fatto comprendere come siamo percepiti da chi dovrebbe tutelarci: dei semplici giullari di corte… Ma così non è, caro Presidente Conte, Lei sta sbagliando. Mi creda Presidente Conte, Lei sta sottovalutando la questione.
Gli Artisti, punta di un iceberg tanto complesso quanto sconosciuto, sono certo coloro i quali ‘fanno divertire’. Ma sono anche coloro i quali producono un bene immateriale, fragile, volatile ed operano in un ecosistema molto delicato e molto poco tutelato, rappresentando con il loro lavoro e il loro impegno, decine di migliaia di operatori del settore.
Gli Artisti sono coloro i quali vivono esclusivamente della loro creatività e della loro arte, vivono esclusivamente del bene che producono. Un bene chiamato CULTURA.
Un bene essenziale, fondamentale per il benessere sociale. Un bene che in questo Paese ha da secoli radici profonde, grandi tradizioni e nobili padri.
Tutte caratteristiche che ci vengono riconosciute ovunque, tranne che a casa nostra.
Un bene che contraddistingue questo Paese, ne ha segnato le sue tradizioni e ne ha caratterizzato le diverse evoluzioni storiche e sociali.
Se il ‘sistema cultura’ non verrà adeguatamente tutelato, sostenuto e difeso e se non lo saranno anche coloro i quali nella cultura investono ed investono, a tutti i livelli e con diverse professionalità, allora questo Paese si inaridirà, non solo economicamente, ma anche socialmente.
Allora non avremo solo un Paese con molto meno cinema, musica, teatro, arte; avremo un Paese sicuramente più povero, sotto tutti i punti di vista.
Ci pensi, caro Presidente Conte”

Ed ecco il comunicato stampa di Claudio Ferrante (Artist First):

"Spiace constatare che i produttori discografici, i produttori di contenuti e gli imprenditori della musica, siano essi discografici o editori, non siano stati considerati nel Decreto Rilancio. Spiace constatare che gli Artisti siano stati citati nel discorso del nostro Presidente del Consiglio come ‘quelli che ci fanno tanto divertire’, come i giullari di corte di qualche centinaio di anni fa. Gli artisti sono lavoratori che vivono di sola creatività, che sono la punta dell’iceberg di migliaia e migliaia di operatori del settore, dai fonici alle migliaia di musicisti appassionati che sopravvivono con qualche migliaia di euro l’anno. 
Spiace constatare che la cultura nel nostro paese sia relegata a mo’ di intermezzo e non come un bene essenziale e fondamentale, un patrimonio che è parte integrante della nostra identità. Nessun punto di quelli chiesti al Governo a favore degli imprenditori della musica è stato accolto. Nulla di specifico per la cultura è stato fatto, ciò è davvero preoccupante. Gli imprenditori italiani sono coloro che negli anni hanno investito su artisti come Vasco Rossi, Tiziano Ferro, Lucio Battisti, Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Andrea Bocelli, Elisa, Diodato, Ultimo e tantissimi altri, rappresentando trasversalmente tutte le generazioni del nostro paese”.

Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.