Nick Cave: “Ho capito che il dolore contiene molte cose: è un’attitudine"

Il musicista australiano dal suo sito The Red Hand Files risponde a due mamme che hanno perso un figlio...come accadde a lui nel 2015.
Nick Cave: “Ho capito che il dolore contiene molte cose: è un’attitudine"

Nick Cave sul sito The Red Hand Files ha instaurato un rapporto molto intimo e di grande franchezza con quanti gli pongono domande sui temi più disparati, musical e non. L'ultimo 'capitolo' di questo carteggio vede il cantautore australiano affrontare il tema del dolore e della sofferenza.

Il suo scritto va a rispondere ai quesiti di due donne, una inglese (Carol) e l'altra neozelandese (Luna), che hanno perduto – come Nick e sua moglie Susie – un figlio, e gli chiedono come lui ha affrontato un avvenimento di tale, devastante, portata.

Scrive in risposta Nick Cave:

“Care Carol e Luna,

Io e Susie abbiamo imparato molto sulla natura del dolore negli ultimi anni. Siamo arrivati ​​a vedere che il dolore non è un qualcosa che attraversi, poiché non c'è un'altra parte. Per noi, il dolore è diventato un modo di vivere, un approccio alla vita, nel quale abbiamo imparato a cedere all'incertezza del mondo, pur mantenendo una posizione di sfida alla sua indifferenza. Ci siamo arresi a qualcosa su cui non avevamo alcun controllo, ma ci siamo rifiutati di accettarla passivamente. Il dolore è diventato sia un atto di sottomissione che di resistenza - un luogo di acuta vulnerabilità dove, nel tempo, abbiamo sviluppato un senso acuto della fragilità dell'esistenza. Alla fine, questa consapevolezza della fragilità della vita ci ha riportato al mondo, trasformati.

Abbiamo scoperto che il dolore era molto più della semplice disperazione. Abbiamo trovato che il dolore conteneva molte cose: felicità, empatia, comunanza, dolore, rabbia, gioia, perdono, combattività, gratitudine, sgomento e persino una certa pace. Per noi, il dolore è diventato una attitudine, un sistema di credere, una dottrina - un abitare consapevole dei nostri sé vulnerabili, protetti e arricchiti dall'assenza di chi abbiamo amato e di ciò che abbiamo perso.

Alla fine, il dolore è il tutto. Lavando i piatti, guardando Netflix, leggendo un libro, su zoom con gli amici, seduto da solo o, in effetti, spostando i mobili. Il dolore è tutto reinventato attraverso le ferite sempre più emergenti del mondo. Ci ha rivelato che non avevamo alcun controllo sugli eventi e, mentre affrontavamo la nostra impotenza, siamo arrivati a vedere questa impotenza come una sorta di libertà spirituale.

Il dolore di Susie è diventato parte della sua chimica, si muove attraverso il suo flusso sanguigno come una forza, e anche se abita spesso nello spazio subliminale al margine dei sogni, rimane forte nella sua impotenza e ostinatamente stupita dal funzionamento del mondo.

Susie dice di dirvi che è molto dispiaciuta per le vostre perdite, molto dispiaciuta, e guardandola ora, posso solo dirvi, che col tempo c'è un modo, non al di fuori della sofferenza, ma nel suo profondo.

Con affetto per entrambe, Nick”

Dall'archivio di Rockol - Nick Cave: la carriera del Re Inkiostro, dagli esordi a "Distant sky"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
20 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.