Coronavirus: Spotify lancia un'iniziativa per sostenere il settore musicale italiano

Il progetto ha come partner Music Innovation Hub Spa (MIH).

Coronavirus: Spotify lancia un'iniziativa per sostenere il settore musicale italiano

Spotify ha annunciato il progetto "Covid-19 Sosteniamo la musica", in collaborazione con organizzazioni che aiutano gli artisti, i professionisti e i lavoratori del settore più bisognosi in tutto il mondo: MusiCares e Music Health Alliance negli Stati Uniti, Centre National de la Musique in Francia, la PRS Foundation e Help Musicians nel Regno Unito e Deutsche Orchester Stiftung in Germania, per fare qualche esempio. Il progetto approda ora anche in Italia e ha come partner Music Innovation Hub Spa (MIH). Al fianco di Spotify e di Music Innovation Hub scendono in campo anche le principali associazioni del settore musicale, come Fimi (Federazione industria musicale italiana), Afi (Associazione fonografici italiani), Pmi (Produttori musicali indipendenti) con la collaborazione del Comune di Milano e Milano Music Week.

Per ogni euro donato a MIH attraverso la pagina Spotify Covid-19 Sosteniamo la Musica, Spotify ne donerà un altro, fino a un totale complessivo di 10 milioni di dollari a livello globale (includendo tutte le organizzazioni partner fino ad oggi).

Federica Tremolada, Managing Director Southern and Eastern Europe di Spotify, dice:

"Il settore musicale è uno dei più colpiti dalla crisi dell’emergenza Covid-19: Spotify continua a svolgere un ruolo chiave nell’unire gli artisti ai propri fan, ma sappiamo che la sospensione dei tour e delle attività legate alla promozione di nuovi progetti stia causando perdite enormi per gli artisti, i musicisti e i professionisti che lavorano nell’intera filiera musicale. Il progetto Spotify COVID-19 Sosteniamo la Musica, in collaborazione con Music Innovation Hub, vuole supportare la musica in un momento davvero cruciale. E siamo davvero felici di non essere da soli: a sostenere il programma sono scese in campo affianco a noi le principali associazioni Italiane del settore - FIMI, AFI e PMI con la collaborazione di Comune di Milano e Milano Music Week".

Dino Lupelli, direttore generale di Music Innovation Hub, commenta:

“La possibilità offertaci da Spotify e dalle altre istituzioni aderenti, a cui speriamo si aggreghino nel tempo altre realtà istituzionali e il mondo più ampio dei music lovers, rappresenta per noi uno stimolo importante e perfettamente coerente con la nostra missione che è quella di contribuire alla crescita e alla innovazione della filiera musicale italiana. Ci piace immaginare che questo progetto possa contribuire a guardare oltre l’emergenza per riconoscere alla comunità musicale italiana un ruolo importante nelle politiche culturali, sociali ed economiche del nostro Paese".

Enzo Mazza di Fimi dichiara:

"L’iniziativa promossa da Spotify in partnership con Music Innovation Hub è molto importante in questo momento dove tanti lavoratori della musica si sono trovati da un momento all’altro in una situazione di difficoltà. Come FIMI e le altre associazioni industriali AFI e PMI siamo impegnati per individuare le migliori soluzioni a livello governativo e questo progetto risponde a una necessità immediata per molti lavoratori fragili del settore".

Spotify ha inoltre lanciato la funzione Artist Fundraising Pick che permette agli artisti di raccogliere fondi direttamente dai loro fan in un momento difficile come questo, a sostegno della propria musica, delle proprie band e crew, tramite il loro profilo Spotify. Per il lancio del progetto Spotify ha lavorato insieme ad un gruppo iniziale di partner di raccolta fondi: gli artisti possono infatti scegliere di inserire un link a GoFundMe e PayPal.me.

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.