Chi erano i Queen prima dei Queen? 5 - Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor

Che cosa facevano Brian May, Roger Taylor, John Deacon e Freddie Mercury, prima di incontrarsi ed entrare nella storia della musica? Cosa facevano prima di diventare delle leggende del rock?
Chi erano i Queen prima dei Queen? 5 - Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor

Brian, Freddie e Roger erano ormai convinti di andare avanti insieme come Queen, ma erano sprovvisti di bassista. Roger chiamò il vecchio amico ed ex compagno di band Mike Grose che, oltre ad essere un buon bassista, aveva anche della buona attrezzatura ed un furgone.
Mike lasciò il suo gruppo, i Bent Coment, caricò l’attrezzatura sul furgone e partì per Londra. La nuova band, grazie alle conoscenze di Brian all’Imperial College, poteva fare lì le prove e usare alcune stanze come magazzino per la strumentazione. I primi brani che i quattro provarono erano le canzoni scritte nello loro precedenti avventura.
Il primo concerto dei Queen si tenne ufficialmente a Truro, in Cornovaglia, il 27 giugno del 1970. La cosa interessante di questo concerto fu che i manifesti riportavano il nome Smile in quanto l’accordo per fare questo spettacolo, in favore della Croce Rossa, era stato preso da Roger quando gli Smile erano ancora in attività. La leggenda narra che questa esibizione si aprì con ‘Stone Cold Crazy’, un brano proveniente dal repertorio Wreckage.

In questo periodo Freddie Bulsara cambiò il suo cognome in Mercury, in onore di Mercurio, messaggero degli Dei. Il gruppo organizzò un concerto ad inviti all’Imperial College ed ottenne un ingaggio per suonare al PJ’s di Truro il 25 luglio.
Ricorda Mike: “Quello fu il mio ultimo concerto con i Queen, Mi mancava la Cornovaglia, e non avevo più voglia di suonare. Sapevo che sarebbero diventati famosi ma ciò non mi impedì di lasciare con serenità la band.”   
Il gruppo si trovò nuovamente senza bassista e con una data da affrontare a poca distanza. Ma i tre erano fortunati, ed un amico di Roger gli presentò un bassista: Barry Mitchell. Visto i tempi ristretti fu ingaggiato all’istante.
La nuova formazione provò molto all’Imperial College ed organizzò qualche show solo per amici e conoscenti, per tastare il terreno in preparazione della data del 23 agosto.
“Mi sentivo un po’ isolato e senza voce in capitolo” ricorda Barry. “Era già tutto studiato. Ricordo che prima di entrare sul palco Freddie ci chiese di vestirci da donna. Fortunatamente l’ idea venne bocciata!”.

Il gruppo tenne diversi concerti in college, scuole private, pub, e il 9 gennaio del 1971 suonò come gruppo spalla di Kevin Ayers And The Whole World Band e dei Genesis, all’Istituto Tecnico di Ewell. Al termine del concerto Barry lasciò i Queen.
“C’erano un po’ di tensioni all’interno della band” racconta Barry. “Le cose non stavano andando avanti nella maniera sperata. Io avevo bisogno di soldi e agli altri tre sembrava che non importasse niente.”
I quattro si separarono ed iniziò la ricerca di un nuovo bassista. Stavolta i ragazzi fecero delle audizioni e scelsero con calma. Fu così che, grazie anche alla sua attrezzatura di tutto rispetto, entrò nella band Doug Bogie.
I quattro iniziarono a provare e le cose non sembravano andare male. A febbraio i Queen vennero ingaggiati per tenere due concerti a Londra, uno il 19 febbraio come gruppo di supporto dei Pretty Things e dei Pink Fairies; l’altro concerto il giorno seguente, come gruppo spalla degli Yes. E questo fu l’ultimo concerto di Doug con i Queen. La location del concerto con gli Yes era nel suo quartiere, quindi invitò tutti i suoi amici e, preso dall’adrenalina del momento, perse completamente la testa ed iniziò uno show personale, catalizzando l'attenzione della gente su di sé e mettendo in ombra gli altri tre.

Brian ricorda molto bene quella sera. “Doug cominciò a saltare su e giù per il palco senza un criterio. Rubò la scena a tutti. Il giorno dopo lo licenziammo!”
Questa terza separazione fu un brutto colpo per la band ma, come detto, la fortuna aiuta gli audaci e bussa sempre quando meno te lo aspetti. Mentre Brian e Roger erano in un pub conobbero l’amico di un loro amico che si chiamava John. I tre si misero a parlare di musica, e Brian e Roger si sfogarono con il nuovo conosciuto. Gli raccontarono dei problemi avuti con gli ultimi due bassisti, e venne fuori che John suonava il basso. Ai due si illuminarono gli occhi e si accordarono per un provino di lì ad un paio di giorni.
L’audizione avvenne all’Imperial College. I Queen avevano preparato tutta la sala con le loro attrezzature. John si presentò con il suo basso ed un piccolissimo amplificatore, che diventerà famoso più avanti come Deacy Amp. John prese confidenza con tre, quattro brani del repertorio della band, tra cui il brano scritto da May ‘Son And Daughter’, ed il provino si concluse con una lunga jam session. Scottati dalle decisioni repentine, i Queen salutarono John con la promessa che lo avrebbero ricontattato se avesse superato la prova.
“Noi ci conoscevamo molto bene e sapevamo di essere un po’ sopra le righe,” afferma Roger “Ma John era eccezionale, perfetto! Era un ottimo bassista, un mago dell’elettronica ed era molto pacato e tranquillo: pensammo che si sarebbe inserito bene nel gruppo. Qualche giorno dopo lo chiamammo e gli chiedemmo di unirsi a noi.”
E così, a fine febbraio del 1971, John Deacon entrò nella band.

Alessandro Carugini

In precedenza abbiamo pubblicato:

Chi erano i Queen prima dei Queen? 1 - Roger Taylor

Chi erano i Queen prima dei Queen? 2 - Brian May

Chi erano i Queen prima dei Queen? 3 - Brian May, Roger Taylor, Tim Staffell e gli Smile

Chi erano i Queen prima dei Queen? 4 - Freddie Mercury

Dall'archivio di Rockol - La storia di "A Night at the Opera" dei Queen
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.