Chi erano i Queen prima dei Queen? 4 - Freddie Mercury

Che cosa facevano Brian May, Roger Taylor, John Deacon e Freddie Mercury, prima di incontrarsi ed entrare nella storia della musica? Cosa facevano prima di diventare delle leggende del rock?

Chi erano i Queen prima dei Queen? 4 - Freddie Mercury

Farrokh Bulsara nasce nel 1946 a Zanzibar, ma i genitori lo fanno studiare in India alla St. Peter’s Boys School, un collegio britannico di Panchgani. Qui, oltre all’istruzione scolastica, Freddie impara anche a suonare il pianoforte e insieme ai compagni di scuola Derrick Branche, Bruce Murray, Farang Irani e Victory Rana forma i The Hectics. I ragazzi si esibivano alle feste ed agli eventi organizzati all’interno dell’istituto, suonando varie cover tra cui brani di Little Richard, Fats Domino, Elvis Presley e Cliff Richard.  
“Freddie aveva 12 anni ed era il pianista del gruppo” racconta Branch. “Ogni volta che suonavamo le ragazze delle scuole vicine venivano a vederci ed urlavano sotto al palco, proprio come avevano sentito dire che le ragazze di tutto il mondo stavano cominciando a fare di fronte ai propri idoli.”
Freddie era molto timido ed era contento di lasciare che Bruce Murray si crogiolasse nella veste di leader e frontman della band.
“Freddie non ha mai parlato della sua gioventù” dice David Evans. “La sua vita inizia quando si trasferì a Londra. Io lo avrei trovato romantico da raccontare, ma per Freddie non lo era; per lui Zanzibar era un posto sporco… Non voleva davvero riconoscere quella parte della sua vita. Stranamente, anche quando si imbatté di nuovo in Derrick Branch a Londra, non fu particolarmente felice. Non era contrario a vederlo, ma non abbracciò Derrick come un amico perduto da tempo.”
A causa della rivoluzione di Zanzibar del 1964, la famiglia Bulsara fu costretta a trasferirsi a Londra, e più precisamente nel Middlesex, nei pressi dell’aeroporto di Heathrow, dove Freddie lavorò saltuariamente come magazziniere e come addetto ai bagagli.

Nel 1966, la svolta: Freddie viene ammesso all’Ealing Art College di Londra e si trasferisce nella capitale inglese, in un piccolo appartamento vicino al Kensington Market.
“Freddie era molto interessato alla musica e alla scena musicale” ricorda Paul Humberstone, un suo coinquilino. “I suoi artisti preferiti erano i Beatles e Jimi Hendrix, di cui faceva anche l’imitazione. Noi lo prendevamo in giro, ma lui ci guardava serio e diceva ‘State tranquilli, un giorno diventerò famoso!’. Nessuno gli credeva anche perché nessuno lo aveva ancora sentito cantare.”
In questo periodo Freddie conosce Tim Staffell, suo compagno di corso nonché cantante e bassista degli Smile, un trio formato, oltre che dall’amico, dal chitarrista Brian May e dal batterista Roger Taylor; Freddie provò in tutte le maniere ad entrare nella band, senza mai riuscirci.
“Tutti coloro che gravitavano intorno agli Smile conoscevano Freddie, anche se non era nella band” spiega Chris Smith, quarto membro e tastierista degli Smile, che fu licenziato poco prima del concerto alla Royal Albert Hall, “Mi diceva ‘Vorrei essere nel tuo gruppo’ e frasi tipo ‘Se fossi in questa band, non lo farei così ma così’.”
Grazie agli Smile, Freddie riprese a fare esperimenti con la musica. Iniziò a fare pratica con Tim, Chris ed un altro amico, Nigel Foster.
“Facevamo delle jam session al college,” ricorda Chris. “La prima volta che sentii cantare Freddie fu strepitoso. Aveva una voce ‘enorme’, piena. Sebbene il suo stile al piano fosse molto scolastico, aveva un tocco eccezionale. Dal punto di vista di un pianista il suo approccio era unico”.
Freddie si diplomò nel giugno 1969 in grafica e design e, visto che con la musica ancora non riusciva a vivere, accettò alcune commesse per disegnare corsetti da donna per la pubblicità sui giornali locali. Si trasferì nell’appartamento di Roger Taylor a Sinclair Road, ed insieme al biondo batterista degli Smile aprì una bancarella al mercato di Kensington. Inizialmente vendevano ‘opere d’arte’ realizzate dallo stesso Freddie, poi passarono alla vendita dei vestiti, nuovi e di seconda mano.
Freddie voleva fare il cantante a tutti i costi e si unì agli Ibex, una band di Liverpool formata dal chitarrista Mike Bersin, dal bassista John Taylor (che non è il bassista cofondatore dei Duran Duran e neanche un parente di Roger) e dal batterista Mick Smith; i tre fecero un provino ‘pro forma’ a Freddie, che seguiva già la band nei loro  concerti e dava loro suggerimenti sui brani suonati e come approcciarli.
“Influenzati dai Cream” rivela Mike Bersin, “ci siamo resi conto che potevamo fare tutto noi: uno nella parte bassa della canzone, uno per la parte centrale, uno per la parte alta e uno per il ritmo.”
“Eravamo una band progressive!” aggiunge John ‘Tupp’ Taylor, “indossavamo pellicce pelose e ci facevamo crescere i capelli. Abbiamo suonato alcuni brani strumentali  improvvisati che sono diventati quasi canzoni, ma non siamo mai riusciti a completare i testi o le melodie.”

Il 23 agosto 1969, all’Octagon Theatre di Bolton, si tenne la prima esibizione in pubblico di Freddie Bulsara come cantante e, nonostante fosse la sua prima volta da frontman di una rock band, mise in mostra i suoi atteggiamenti da showman sfrontato che lo caratterizzeranno per tutta la sua carriera.
Il gruppo tornò a Londra per un breve periodo ed iniziò a lavorare su brani inediti scritti proprio da Bulsara, prima di stabilirsi definitivamente a Liverpool.
“Freddie sapeva dove voleva andare” conferma Mike. “Ecco perché divenne una star internazionale. Non è stato un caso. È successo perché è quello che voleva essere dal momento in cui l’ho incontrato per la prima volta. Era un uomo con un obiettivo: diventare una rock star”.
Il 9 settembre del 1969 gli Ibex suonano al Sink Club di Liverpool, uno dei locali cittadini più influenti nel panorama musicale. Il concerto resta nella storia del periodo ‘pre – Queen’ in quanto, tra il pubblico, ci sono due amici del cantante: Brian May e Roger Taylor. I due saliranno sul palco durante il bis finale rendendo quel concerto degli Ibex la prima volta che Freddie, Brian e Roger suonano insieme dal vivo sullo stesso palco.
Questo concerto fu registrato da Geoff Higgins (tuttofare degli Ibex), successivamente fu venduto in un’asta a un collezionista privato e poi prestato alla Queen Production allo scopo di includere ‘Rain’ nel cofanetto ‘The Freddie Mercury Solo Collection’ pubblicato il 23 ottobre del 2000. Qualcuno alla Queen Production fu leggermente sbadato e la registrazione integrale del concerto trapelò sul mercato dei bootleg. Purtroppo, il nastro durava solo trenta minuti, quindi manca la parte finale dello spettacolo con i tre futuri Queen sul palco. La registrazione contiene le seguenti tracce:
‘I’m So Glad’ (Skip James) – Cream, ‘Communication Breakdown’ (Jimmy Page, John Paul Jones & John Bonham)  – Led Zeppelin,  ‘Rain’ (John Lennon & Paul McCartney) – The Beatles, ‘We’re Going Wrong’ (Jack Bruce) – Cream, ‘Rock Me Baby’ (Riley. BB. King & Joe Josea) – Truth, ‘Stone Free’ (Jimi Hendrix) – Jimi Hendrix, ‘Jailhouse Rock’ (Jerry Leiber & Mike Stoller) – Elvis Presley, ‘Crossroads’ (Cross Road Blues) (Robert Johnson) – Cream, ‘Vagabond Outcast’ (Freddie Bulsara), ‘We’re Going Home ( I’m Going Home)’ (Alvin Lee) – Ten Years After.
Negli ultimi mesi del 1969, dopo che Smith lasciò il gruppo e venne sostituito da Richard Thompson, ex batterista dei 1984, Freddie suggerì di cambiare il nome della band in Wreckage cominciando anche a scrivere dei brani.
Come racconta lo stesso Freddie, dopo aver fatto le prove per un nuovo show, in una lettera scritta all’amica Celine Daley: “Oggi è venuto Mike, abbiamo fatto una maratona di cinque ore per fare pratica con le nuove canzoni. Richard è crollato a metà delle prove ed io sono rimasto senza voce (no, non sto scherzando). Sento dolore anche solo a respirare. Spero di rimettermi per venerdì perché ho intenzione di far vedere che sono il migliore. (sarà facile). Abbiamo scritto qualche nuovo brano: 1) ‘Green’; 2) ‘Without You’, 3) ‘Blag-a-blues’, 4) ‘Cancer On My Mind’ (che in origine si intitolava ‘Priestess’)”.
Freddie stava scrivendo diversi brani per il nuovo progetto musicale e insieme a Mike, John e Richard registrò il loro primo ‘home demo’. Dove ‘home’ sta proprio per casa. Infatti i quattro registrarono il brano ‘Green’, scritto appunto da Freddie, a casa di quest’ultimo a Barnes. Il nuovo batterista teneva il tempo battendosi le bacchette sulle cosce! Anche questo brano è presente nella Freddie Mercury Solo Collection ed è l’unica traccia audio che abbiamo dei Wreckage.
Richard Thompson ricorda inoltre che provarono altri brani inediti scritti da Freddie, tra cui ‘Universal Theme’, un brano strumentale scritto a quattro mani con Mike, ‘Boogle’, ‘One More Train’ e ‘FEWA’.

La band, nonostante l’impegno, non ebbe successo e si sciolse alla fine dell’anno. Freddie non si demoralizzò più di tanto perché ormai aveva capito qual era la strada da percorrere, e si mise alla ricerca di un altro gruppo. Nel febbraio del 1970, dopo aver risposto ad un annuncio pubblicato sul Melody Maker, fece un provino per i Sour Milk Sea, diventandone il cantante.
I Sour Milk Sea erano in attività dal 1968. Il cantante e chitarrista Chris Chesney detto Dummett e il chitarrista ritmico Jeremy Gallop, coadiuvati dal bassista Paul Milne e dal batterista Robert Tyrell, avevano fondato i Tomato City. I Tomato City erano una blues band fortemente influenzata dai Traffic, che si esibiva suonando cover di brani blues. Iniziarono fin da subito a scrivere brani propri, composti in maggior numero da Dummett; una di queste tracce, dal titolo ‘Lover’ divenne la base su cui i Queen crearono ‘Liar’.
“Brian May rubò un nostro riff che poi usò per una canzone dei Queen”, racconta Chris Chesney “in un’ intervista video mi chiese scusa in maniera piuttosto impacciata ma molto onesta.”
Il gruppo cambiò nome alla fine del 1968 in Sour Milk Sea, in onore dell’omonimo brano scritto da George Harrison per Jackie Lomax.
Freddie portò con se anche i suoi inediti, tra cui ‘FEWA’. Chris Chesney ricorda: “Quel titolo strano in verità era un’acronimo per ‘Feelings Ended, Worn Away’”.
I Sour Milk Sea facevano anche tre concerti a settimana e l’ultimo concerto si tenne a Oxford, nel marzo dello stesso anno. L’arrivo del nuovo cantante, molto bravo, molto creativo ma anche molto prepotente, causò il deterioramento delle relazioni tra i membri del gruppo; Gallop e Chesney, dopo anni di amicizia, litigarono e si separarono.
La primavera del 1970 fu davvero dura per Freddie, Brian e Roger. Le band di cui facevano parte si erano sciolte. Per Freddie fu l’occasione della vita. Convinse Brian e Roger ad andare avanti con lui come cantante. E nell’aprile del 1970, dopo un combattimento all’ultimo nome, la spuntò Freddie e nacquero così i Queen.

Alessandro Carugini

In precedenza abbiamo pubblicato:

Chi erano i Queen prima dei Queen? 1 - Roger Taylor

Chi erano i Queen prima dei Queen? 2 - Brian May

Chi erano i Queen prima dei Queen? 3 - Brian May, Roger Taylor, Tim Staffell e gli Smile

Dall'archivio di Rockol - La storia di "A Night at the Opera" dei Queen
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.