Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)

'La musica in Tv e in streaming sui social tiene uniti artisti e appassionati, ma non sostituisce gli eventi live: ecco perché c'è tanta voglia di tornarci'
Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)

L'amministratore delegato di TicketOne Stefano Lionetti è stato ospite di Music Biz Cafe, il video appuntamento di Rockol che vede i protagonisti del settore musicale italiano fare il punto, a colazione, sui temi più importanti all'ordine del giorno della filiera creativa e dell'intrattenimento.

L'incertezza normativa riguardo gli eventi dal vivo sta allarmando gli appassionati possessori di biglietti per i grandi eventi in programma la prossima estate, che sarebbe più che ingenuo pensare al riparo da rinvii e cancellazioni: "I rimborsi così come sono regolamentati dalle nuove normative, cioè tramite i voucher, dipendono fortemente dall'ambito temporale entro il quale vengono vietati gli eventi", ha spiegato Lionetti, "Allo stato attuale delle cose, quindi, stiamo parlando del periodo compreso tra l'8 marzo scorso al 17 maggio prossimo. Ovviamente ci saranno delle proroghe, ma al momento i termini sono questi".

La modalità con la quale verranno effettuati i rimborsi sarà quella dei voucher, ovvero di buoni che - in caso di cancellazione - resteranno validi per l'acquisto di altri biglietti, sempre secondo precise modalità: "Ogni voucher che viene rilasciato per un evento ha valore solo nei confronti dell'organizzatore dell'evento stesso", chiarisce Lionetti, "Creare una stanza di compensazione che comprendesse tutti i promoter in questa situazione sarebbe stato decisamente troppo complicato. TicketOne ha dovuto ridisegnare in corsa le proprie funzionalità per far fronte all'emergenza, ma riteniamo di poter iniziare a rilasciare nel corso della settimana prossima i voucher".

Facendo un bilancio su larga scala riguardo le modifiche dei calendario, Lionetti osserva come "gli eventi annullati, oggi, sono relativamente pochi. Gli organizzatori hanno affrontato questa emergenza con la riprogrammazione. Su 4/5mila eventi interessati, circa 1500 sono stati annullati e altri 1500 sono stati rinviati: in realtà, tuttavia, in termini di biglietti il 90% riguarda eventi riprogrammati a partire dal prossimo autunno. Il dato ci dice che i concerti annullati sono stati quelli molto piccoli". 

Come stanno vivendo, i fan, questa difficile situazione? "Il pubblico ha reazioni abbastanza tranquille, vediamo che non c'è una forte pressione di domande rispetto alle programmazioni: ci sembra che i fan siano positivamente orientati alla speranza di poter rinviare il proprio evento e di potervi partecipare ugualmente. Il concerto rinviato è un chip sulla speranza e sulla voglia di tornare alla normalità". Si può essere ottimisti, quindi, riguardo la ripartenza del mercato una volta che verrà tolto il lockdown ai concerti? "Il sentiment è positivo, c'è sicuramente voglia di tornare a stare insieme e di assistere a spettacoli di musica dal vivo", conclude Lionetti: "La musica in Tv e in streaming sui social tiene uniti artisti e appassionati, e di conseguenza il mercato, ma non sostituisce gli eventi live. Ecco perché c'è così tanta voglia di tornarci...".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.