Quando Eddie Van Halen puntò una pistola alla testa di Fred Durst dei Limp Bizkit

Il chitarrista dei Van Halen andò per le spicce per riprendersi ciò che era suo.
Quando Eddie Van Halen puntò una pistola alla testa di Fred Durst dei Limp Bizkit

Il regista Andrew Bennett ha pubblicato il libro fotografico 'Eruption in the Canyon: 212 Days & Nights With the Genius of Eddie Van Halen'. Nel volume vengono riportate una gran quantità di immagini e aneddoti del periodo da lui trascorso a filmare i Van Halen nel loro studio di registrazione.

Un volume che, solo a leggere l'incipit, promette davvero bene: "Una notte, nel 2004, stavo dormendo quando squillò il telefono, era Eddie Van Halen. Un'ora dopo eravamo al 5150 a berci una bottiglia di vino." Bennett finì per essere una presenza fissa al 5150, lo studio casalingo di Eddie, per quasi un anno dal 2006 al 2007.

Nella sua opera Bennett racconta, tra gli altri aneddoti, un episodio che ha per protagonisti il chitarrista Eddie Van Halen e il frontman dei Limp Bizkit Fred Durst. Accadde che nell'estate del 2001 Wes Borland, insoddisfatto, abbandona la band di Jacksonville e lascia vacante il posto di chitarrista. Seguono quindi delle audizioni per trovare un nuovo titolare alla sei corde dei Limp Bizkit. In precedenza accadde che un discografico, a una festa, presentò Durst e Van Halen e suggerì loro di lavorare insieme. Bennett riporta che Durst valutando l'ipotesi avrebbe commentato: “Sarebbe divertente. Il più grande chitarrista di sempre suona con la peggior band di sempre”. Più diretto e conciso Van Halen che avrebbe detto, "Fanculo, facciamoci 'sta jam".

La scena del racconto si sposta poi a Beverly Hills, per una session musicale, ma Van Halen, che non è un grande fan dell'erba, dopo che tutta la gente presente iniziò a fumarne in gran quantità, se ne andò all'improvviso, lasciando sul posto chitarre, amplificatori e altra attrezzatura. Bennett riporta nel libro che Van Halen descrisse così quella jam, "come essere uno studioso tra i bambini dell'asilo".

Il giorno dopo, il chitarrista dei Van Halen contattò Durst per recuperare la sua roba. Eddie era ancora arrabbiato per la brutta esperienza della sera prima, e, non avendo ricevuto una risposta da Durst nelle ventiquattro ore, decise di prendere in mano la situazione...a modo suo.

Scrive Bennett:

"Eddie una volta acquistò un veicolo d'assalto a un'asta militare. Il mezzo aveva un attacco per pistola sul retro e non è legale. Eddie guidò quel veicolo d'assalto attraverso Los Angeles, fino a Beverly Hills, parcheggiò e lo lasciò sul prato davanti alla casa in cui i Limp Bizkit stavano provando. Uscì senza camicia, con i capelli raccolti in una crocchia in testa come un Samurai, i suoi jeans erano sostenuti da una corda e aveva degli stivali da combattimento tenuti insieme da un nastro adesivo. E aveva una pistola in mano."

Bennett scrive che Eddie Van Halen gli raccontò:

“Quel coglione rispose alla porta. Gli misi la mia pistola su quel suo stupido cappello rosso e dissi, 'Dov'è la mia merda, figlio di puttana?' Quello stronzo si rivolse a uno dei suoi impiegati iniziandogli a urlare di portare la mia merda... Eddie Van Halen era in piedi sul prato di una casa residenziale a Beverly Hills in pieno giorno, fumando una sigaretta mentre teneva una pistola puntata su Fred Durst mentre andava avanti e indietro dalla casa al veicolo d'assalto, trascinando con sè amplificatori e chitarre.”

Bennett ha dichiarato che il summit tra Eddie Van Halen e i Limp Bizkit rimane tuttora un grattacapo: "Katy Perry potrebbe unirsi agli Slipknot e ne sarei meno scioccato". Andrew Bennett, oltre che per i Van Halen, ha diretto video anche per Dresden Dolls, Jonas Brothers, Nickelback e altri ancora.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/UjtnnCzOxqu_m1Cri4OnyN9UFg8=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/81377327-1769152333215581-6465900000852312064-n.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.