Cranberries: il video di "Zombie" ha superato il miliardo di visualizzazioni

La band irlandese raggiunge un invidiabile record.
Cranberries: il video di "Zombie" ha superato il miliardo di visualizzazioni

Il primo album dei Cranberries, “Everybody Else Is Doing It, So Why Can't We?”, venne pubblicato il primo marzo 1993 e, trascinato dai singoli "Dreams" e "Linger", riuscì a raggiungere il primo posto nella classifica delle vendite in Gran Bretagna. Il secondo album della band irlandese, “No Need to Argue”, piombò sul mercato nell'ottobre 1994 e rese i Cranberries delle vere e proprie star vendendo 17 milioni di copie in tutto il mondo. Il disco include la loro canzone più conosciuta, "Zombie".

Nei giorni scorsi il video ufficiale di "Zombie" ha superato il miliardo di visualizzazioni su YouTube. E' la prima band irlandese a raggiungere questo traguardo ed è il quinto video rock più visto di tutti i tempi in un elenco stilato da Loudersound.

La canzone venne scritta dalla cantante della band Dolores O'Riordan come brano di protesta dopo che, il 20 marzo 1993, due attentati dell'IRA a Warrington (Inghilterra) uccisero due bambini e ferirono altre 56 persone. "Zombie" venne registrata a Dublino e fu prodotta da Stephen Street. Il video, diretto da Samuel Bayer, mostra alcuni filmati originali di scene girate in strada in Irlanda del Nord con bambini che giocano alla guerra durante i Troubles, inclusi i famosi murales politici e storici che adornano i muri delle città dell'Irlanda del Nord. Nel video la O’Riordan è coperta da una vernice dorata e si trova a fianco di una croce gigante, mentre la band suona all'aperto.

Fergal Lawler, il batterista dei Cranberries, ha così commentato la notizia dell'avvenuto record raggiunto: “Siamo molto felici per la notizia. Siamo sicuri che anche Dolores avrà sul viso un sorriso grande e orgoglioso.” Il chitarrista Noel Hogan ha invece detto: "Vent'anni fa non pensavamo che questa canzone avrebbe resistito alla prova del tempo e avrebbe significato così tanto per così tanta gente". E il bassista Mike Hogan ha aggiunto: "Ricordo ancora di avere realizzato un video così eccezionale vedendo l'impatto che ha avuto, e che ancora ha, sulle persone".

Il 16 gennaio 2018, Colin Parry, padre di Tim Parry, la vittima dodicenne della bomba di Warrington, ha ringraziato la O’Riordan per i "testi maestosi e (anche) molto reali" della canzone. Dolores O'Riordan è morta il 15 gennaio 2018 annegando in una vasca da bagno di una camera di albergo di Londra dopo avere perso conoscenza a causa della troppa quantità di alcool ingerita. I Cranberries hanno pubblicato nell'aprile del 2019 il loro ultimo album “In the End” (leggi qui la nostra recensione), sancendo con questo ultimo atto il loro scioglimento.

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - raccontano Dolores e "In the end", l'album postumo
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.