Paul McCartney, i Beatles senza John Lennon? ‘Sarebbe stato troppo doloroso’

Della fine dei Beatles, delle abilità compositive di George Harrison, dei Rolling Stones e di molto altro il polistrumentista di Liverpool ha parlato, dal suo isolamento in Inghilterra, con SiriusXM.
Paul McCartney, i Beatles senza John Lennon? ‘Sarebbe stato troppo doloroso’

Come la maggior parte degli abitanti del pianeta, anche Paul McCartney è in isolamento, nel suo caso in Inghilterra, con sua figlia e la sua famiglia. La moglie Nancy Shevell, invece, lamenta l’ex Beatles nel corso di una chiacchierata telefonica con Howard Stern per l’emittente britannica SiriusXM, è rimasta a New York e la pandemia ha impedito alla coppia di ricongiungersi. Del suo isolamento e di svariati altri argomenti il polistrumentista di Liverpool ha parlato con Stern in un lungo scambio di battute, dai Beatles al Coronavirus, dai Rolling Stones alla Cina.

Andando a ritroso nel tempo, Stern ha domandato a McCartney se, potendo riportare le lancette dell’orologio indietro di svariati anni, fino al 1969, non farebbe oggi una scelta diversa rispetto al passato, decidendo magari di portare avanti i Beatles con i compagni di band anche senza John Lennon. No, nessun rimpianto da parte di Paul McCartney: “Quando le famiglie si rompono, ha a che fare con l’emozione e con il dolore. Non potevi semplicemente pensare a un’idea intelligente come quella all’epoca. Stai soffrendo troppo. Quindi non sarebbe successo. Abbiamo attraversato troppe cose e penso che fossimo stanchi di tutto quanto”. Restando sui Beatles, alla domanda se lui e Lennon avessero sottovalutato le abilità come autore di George Harrison la voce di “Yesterday” ha spiegato:

Era facile sottovalutare George perché io e John, come hai detto, abbiamo sempre scritto la maggior parte del materiale e abbiamo avuto la maggior parte dei singoli e George è sbocciato più tardi dal punto di vista della composizione.

Conclude McCartney a proposito dell’autore di, ad esempio, “While My Guitar Gently Weeps” e “Something”: “All’inizio non era così interessato ma poi ha iniziato a interessarsi ed è sbocciato, sai? Ha scritto alcune delle canzoni più belle di sempre”.

Riprendendo poi quanto recentemente espresso dal conduttore e musicista Jimmy Fallon – noto per il suo Tonight Show -, che intervistato da Stern ha riconosciuto ai Beatles si essere stati una band più significativa rispetto ai maggiori rivali della band dell’epoca, i Rolling Stones, McCartney ha commentato: “Gli Stones sono un gruppo fantastico. Vado a vederli ogni volta che ci sono perché sono semplicemente una grande, grande band e Mick ci sa davvero fare, il modo di cantare e le movenze e tutto quanto, e Keith, e ora Ronnie e Charlie. Sono fantastici. Sono davvero fantastici. Quindi li amo ma le loro cose affondano le radici nel blues”. Scherza, infine, il musicista britannico: “Amo gli Stones ma sono d’accordo con te, i Beatles sono meglio”.

Paul McCartney è tra coloro che il prossimo 18 aprile prenderanno parte al concerto benefico One World: Together at Home patrocinato da Lady Gaga a sostegno del COVID-19 Response Fund.

Dall'archivio di Rockol - La storia di “RAM” di Paul McCartney
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.