Paul McCartney, 50 anni dal suo primo album solista: tutte le canzoni + 1 (1 / 15)

Il 17 aprile 1970 usciva "McCartney". Aveva inizio la carriera solista di Paul McCartney, si chiudeva quella dei Beatles.
Paul McCartney, 50 anni dal suo primo album solista: tutte le canzoni + 1

Pubblicato il 17 aprile 1970 in Gran Bretagna (l’uscita negli Stati Uniti avvenne tre giorni dopo), l’album “McCartney” segna un’epoca. E’ insieme l’avvio della carriera solista di Paul McCartney ma anche – e, occorre dirlo, soprattutto – la fine di quella dei Beatles.

Per comprendere quel che accadde dobbiamo tornare indietro di una settimana. Il 10 aprile 1970 è (impropriamente) considerata dagli storici dei Beatles la data che ne segna lo scioglimento.

Quel mattino il “Daily Mirror” titola “Paul lascia i Beatles”. Sulla scorta di un’intervista che Paul aveva accluso alle copie del disco inviate alla stampa in Gran Bretagna – in cui alla domanda “prevede un giorno in cui la coppia Lennon-McCartney tornerà a scrivere canzoni insieme?” la risposta era un secco “no” – il giornalista Don Short sintetizza senza fronzoli la notizia destinata a scuotere milioni di appassionati.

“McCartney” è un album inciso da Paul in gran segreto tra il dicembre 1969 e il febbraio 1970 a Londra: un po’ a casa con il suo registratore a quattro piste, un po’ agli studi Morgan e ad Abbey Road, sotto lo pseudonimo Billy Martin. Con un procedimento che aveva pochissimi precedenti, Macca canta e suona tutti gli strumenti (chitarre, basso, batteria, pianoforte, organo, percussioni, xilofono) e ci mette dentro demo, improvvisazioni, esperimenti ma anche grandi canzoni, tra cui un classico come “Maybe I’m amazed”. Paul disse che la musica del disco era “aerea, libera”: una definizione calzante per questo mix tra artigianato musicale e registrazioni di grande professionalità, che avrebbe costituito la cifra di McCartney lungo la sua carriera post-Beatles.

A cinquant’anni tondi dall’uscita di questo album ne celebriamo la musica passando in rassegna i quattordici brani che lo compongono. In aggiunta, proponiamo una scheda anche per “Another day”, il primo singolo della carriera solista di McCartney pubblicato il 19 febbraio 1971 che stilisticamente ne costituisce una sorta di seguito, con il suo tono intimo e domestico. E’ uno dei brani più belli di Paul e forse anche sottovalutati: un’occasione per riscoprirlo.

Luca Perasi - (autore di “Paul McCartney: Recording sessions,1969-2013”)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.