Bonehead chiede a Liam Gallagher di riunire gli Oasis

‘Dovremmo davvero tornare insieme’, scrive sui social il chitarrista della formazione originale del gruppo di 'Wonderwall'

Bonehead chiede a Liam Gallagher di riunire gli Oasis

Lo scorso 19 marzo Liam Gallagher (in foto), attraverso un post pubblicato su Twitter, invitava il fratello Noel a prendere in considerazione l’idea di riunire gli Oasis e organizzare un concerto di beneficenza al termine di questo periodo, caratterizzato dall’emergenza Coronavirus. Dopo che il già chitarrista e principale autore del gruppo di “Wonderwall” ha declinato l’invito raccontando in una recente intervista di aver preso in considerazione l’idea di tornare in attività con il fratello solo per zittirlo, Bonehead - con un tweet condiviso ieri, 4 aprile - è intervenuto chiedendo all’ex voce della formazione di Manchester di tornare a suonare insieme.

A margine del listening party del disco degli Oasisi “(What's the story) Morning glory?” del 1995 organizzato su Twitter dal frontman dei Charlatans Tim Burgess, il chitarrista della formazione originale della band di “Supersonic” - all’anagrafe Paul Benjamin Arthurs - ha scritto su Twitter: “Dovremmo davvero tornare insieme. Che ne dici Liam Gallagher?”

Durante l’evento-ascolto virtuale del secondo album in studio degli Oasis, Bonehead ha raccontato qualche aneddoto dietro le canzoni dell’album. A proposito di “Wonderwall”, il già addetto alle sei corde della band britannica ha spiegato: “Liam ascoltò le parti di basso e batteria una volta registrate, non credo che nessuno di noi avesse ascoltato la canzone fino a quando non fummo in studio. [Liam disse] “Non la canterò, sembra una canzone di merda reggae.”

Tra le altre cose, Bonehead ha inoltre rivelato che quando Noel suonò per la prima volta il pezzo “Champagne Supernova” fu un momento commovente. “Che canzone. Liam la canta live solo con la sua voce e il pianoforte ed è maestoso. Noel l’ha suonata in acustico per la prima volta a noi nel retro del bus durante il tour negli Stati Uniti. Ho pianto. Sono del segno del Cancro, sapete.”

Durante la prima tappa del tour di Liam Gallagher a supporto del suo ultimo album “Why me? Why not” (leggi qui la nostra recensione) - che lo scorso febbraio ha fatto tappa anche in Italia per due date a Roma e a Milano - l'11 novembre 2019 Bonehead ha raggiunto sul palco della Motorpoint Arena di Cardiff, in Galles, il già frontman degli Oasis per eseguire insieme a lui alcuni brani come, tra gli altri, "Gas panic!”, ”Rock'n'Roll Star", "Morning Glory", "Stand by Me", "Wonderwall", "Supersonic" e "Roll Whit It”.

Dall'archivio di Rockol - Oasis: "la band più grande di Dio"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.