Bob Dylan, una nuova canzone: è la prima in otto anni

Una suite di 17 minuti dedicati all'assassinio di Kennedy. "Questo è un brano inedito che abbiamo registrato un po’ di tempo fa e che potreste trovare interessante"

Bob Dylan, una nuova canzone: è la prima in otto anni

Bob Dylan ha pubblicato una nuova canzone, “Murder Most Foul”, il primo brano inedito del cantautore di Duluth in otto anni. Il pezzo, lungo ben 17 minuti, racconta dell’assassinio di John Fitzgerald Kennedy del 1963. Dylan ha annunciato la sorpresa via social, scrivendo sul suo account Twitter: “Saluti ai mie fan e a chi mi segue, con gratitudine per tutto il vostro supporto e la vostra lealtà nel corso degli anni. Questo è un brano inedito che abbiamo registrato un po’ di tempo fa e che potreste trovare interessante. Restate al sicuro, siate attenti e possa Dio esservi accanto. Bob Dylan”.

La canzone, ricca di riferimenti agli anni Sessanta e Settanta, è un lungo racconto recitato su una base di piano e voce, che parte dall’assassinio di Kennedy nel 1963 e racconta un pezzo di cultura americana. Dylan cita tra le altre cose Woodstock, “I Want to Hold your Hands” dei Beatles, gli Who, gli Eagles e molti altri artisti

It was a dark day in Dallas, november '63
the day that would live on in infamy
president Kennedy was a-ridin' high
good day to be livin and a good day to die
being led to the slaughter like a sacrificial lamb

e poi la frase che la rende attuale, con una citazione di Bacharach ("What's new pussycat") che diventa "L'anima di una nazione strappata via"

it is what it is, and it's murder most foul
what's new pussycat, what'd I say?
I said the soul of a nation been torn away
and it's beginning to go into a slow decay
and that it's 36 hours past judgement day

Caricamento video in corso Link

L’ultimo album d’inediti dato alle stampe dalla voce di “Blowin’ in the Wind” risale al 2012, quando Bob Dylan pubblicava “Tempest”. Al disco sono seguiti gli album di cover “Shadows in the Night” nel 2015, “Fallen Angels” nel 2016 e “Triplicate” nel 2017. Nel mentre il leggendario artista statunitense ha pubblicato anche diversi live, cofanetti e bootleg, da ultimo “The Bootleg Series Vol. 15: Travelin' Thru, 1967–1969” lo scorso anno.

Dylan si è visto costretto, per l’emergenza Coronavirus, a cancellare la branca in Giappone, che avrebbe dovuto andare in scena il mese prossimo, del suo tour. Restano invece al momento confermate le date negli Stati Uniti, previste tra il 4 giugno e il 12 luglio. L’ultima tranche di concerti in Italia dell’artista è stata quella andata in scena nella primavera del 2018, con diversi live nel nord e centro Italia.

Dall'archivio di Rockol - La storia di “The freewheelin’ Bob Dylan” di Bob Dylan
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.