Album da (ri)ascoltare, nel frattempo: ‘The fame monster’ di Lady Gaga

Dopo l’album di debutto, ‘The fame’, Miss Germanotta ha presentato otto nuove canzoni grazie alle quali la popstar statunitense ha dimostrato di essere un personaggio che funziona.
Album da (ri)ascoltare, nel frattempo: ‘The fame monster’ di Lady Gaga

Create dal compianto stilista britannico Alexander McQueen, le Armadillo Shoes sono un tipo di calzatura che per il loro stile e per l’altezza del loro tacco (30 cm) sono considerate tra le creazioni più esuberanti della moda. Lady Gaga, tra le poche donne al mondo ad averle indossate, ha scelto di sfoggiare proprio le scarpe di McQueen nel video di “Bad romance”, brano contenuto in “The fame monster”. Il singolo, prima anticipazione dell’Ep del 2009 - nonché secondo disco contenuto nel repackaging del primo album di Miss Germanotta, “The fame” - e la clip diretta da Francis Lawrence presentano la forza creativa di Gaga, un personaggio capace di unire arti visive e musica.

Oltre a questo, le otto tracce di “The fame monster” hanno confermato il potenziale di Lady Gaga, che ha dimostrato di essere un personaggio che funziona non solo grazie al suo aspetto fuori dalle righe ma, soprattutto, grazie alle sue canzoni in cui pop e dance si uniscono a suoni elettronici e melodia.

In questi giorni sospesi dal Coronavirus - e in attesa del nuovo album di Stefani Germanotta, "Chromatica", che uscirà il prossimo 10 aprile - ecco la recensione che abbiamo pubblicato al tempo dell'uscita di "The fame monster", e un paio di canzoni per spingervi a riascoltarlo. 

Perché Lady Gaga funziona? Perché ha colmato un vuoto: nella scena musicale mancava un personaggio così. O, meglio, ce n'è uno, che è la madre di tutti i personaggi di questo genere: Madonna.
Sarà il tempo, ma si vede che ora Lady Gaga ha un altro passo: ne ha preso le caratteristiche, e le ha portate ad un altro livello. La sfrontatezza, il trasformismo, la capacità di comunicare oltre la musica... Musica che peraltro compie il miracolo di essere perfetta per tutti i luoghi dove si lanciano gli artisti. Funziona ovunque e non solo da qualche parte: Tv, videoclip, pubblicità, radio, palco…. Una cosa sempre più rara, di questi tempi.
Però, non ci si stancherà mai di ripeterlo, personaggi del genere funzionano solo se c'è la ciccia oltre all'apparenza: le canzoni. Lady Gaga sa scrivere - o farsi scrivere - le canzoni, le sa vestire come le si sa vestire nella realtà. "The fame monster" ne è la dimostrazione, anche se discograficamente è una strana bestia, a metà tra un secondo album e un repackaging del primo, "The fame", uscito nel 2008.

Caricamento video in corso Link

"The fame" è presente nel titolo e nella sostanza: il secondo dischetto è in realtà il primo album, con tutte quelle canzoni - su tutte "Poker face" - che ci hanno fatto conoscere Lady Gaga, e anche quelle meno evidenti perché non sono passate in radio, ma altrettanto sostanziose, che deviano dal pop-dance-elettronico, come la ballata vintage "Brown eyes", tanto per fare un esempio.
L'altro CD è composto da 8 canzoni inedite: un album nuovo, o quasi. Con nuovi tormentoni come "Bad romance" o "Telephone", con quel mix irresistibile di suoni elettronici e melodia che ribadiscono quanto sopra: Lady Gaga c'è, musicalmente e non solo come personaggio.

Caricamento video in corso Link

Insomma, un disco godibilissimo, a prescindere - direbbe Totò: che vi piaccia o meno il personaggio, che non ne possiate più delle sue canzoni, se continua così Lady Gaga resterà sulle scene a lungo.

(Gianni Sibilla)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.