U2, antiterroristi e band di culto per gay. Erano gli esordi...

U2, antiterroristi e band di culto per gay. Erano gli esordi...
Sull'ultimo numero cartaceamente disponibile in Italia del settimanale “New Musical Express”, The Edge degli U2, commentando i brani della recentissima loro antologia, rivela un paio di particolari curiosi sui primi tempi del gruppo irlandese. Non si tratta di fatti totalmente inediti, perché ai fans più accesi non saranno sfuggiti, ma il grande pubblico probabilmente non ne è a conoscenza e pertanto li riportiamo succintamente.
Particolare numero uno: ai tempi di "Boy" (1980), il gruppo riscosse un grande successo presso i circoli gay di San Francisco, la città più "liberal" degli USA. La comunità omosessuale locale era infatti convinta che Bono e soci fossero un gruppo gay, a causa sia della copertina dell'album sia di un titolo quale "Stories for boys". Gli U2 ebbero un paio di recensioni favolose su due riviste gay, e le voci rimbalzarono fino a New York. Il gruppo, i cui componenti sono strettamente eterosessuali, venne a conoscenza della circostanza solo successivamente.
Particolare numero due: gli U2 stavano per incendiare l'Irlanda. Si parla di "War" (1983) e del celeberrimo singolo "Sunday bloody Sunday", e il chitarrista rivela che l'attacco originario del pezzo era stato scritto da lui in maniera non esattamente sottile: «Don't talk to me about the rights of the IRA», e cioé «Non venitemi a parlare dei diritti dell'IRA». Nel corso di una riunione, la band convenne che si stava «incamminando su un campo minato» qualora si fosse mantenuta quella versione. Così Bono la riscrisse, in modo decisamente meno polemico. Chissà cosa sarebbe successo a lasciarla così, visto che in quel periodo l'Irish Republican Army metteva mano ai mitra per molto, molto meno...
Dall'archivio di Rockol - Bono: la straordinaria carriera del cantante degli U2 in 13 canzoni
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.