Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Red Hot Chili Peppers, live allo Slane Castle, 2003

Il Coronavirus ci ha costretto in casa ma non ci ha fatto passare la voglia di live: in attesa che riprendano le danze, ecco alcune delle più grandi performance di sempre

Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Red Hot Chili Peppers, live allo Slane Castle, 2003

Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus Rockol vi propone i migliori concerti dei più grandi artisti internazionali. Mentre guardi gratuitamente questo concerto, puoi contribuire ad aiutare chi sta combattendo contro l'epidemia di Coronavirus. Manda un SMS o chiama da numero fisso il numero solidale della Nazionale Italiana Cantanti: 45527, aggiungendo l'hashtag #iosuonodacasa
Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare personale WINDTRE, Tim, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali.
Da rete fissa, sempre al numero 45527, è possibile donare 5 € o 10 € con Tim, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali, 5 euro con TWT, Convergenze, PosteMobile.
I fondi raccolti sono destinati ad aumentare i posti "unità posto letto rianimazione" (letto, respiratore, pompa, infusionali, monitor) disponibili per l'emergenza Coronavirus (COVID-19) dell'ospedale Niguarda di Milano.

Una spianata capace di ospitare fino a 110mila persone che negli anni ha visto in azione sul proprio palco gente come Queen, Rolling Stones, Bruce Springsteen e altre star di primissimo ordine: suonare allo Slane Castle è una sorta di attestato che certifica l'appartenenza allo stardom internazionale, e forse alla storia. I Red Hot Chili Peppers ci erano arrivati già nel 2001, ma nel 2003 avevano deciso di bissare l'impresa, il 23 agosto. L'evento era di quelli impedibili, in tutto e per tutto: basti pensare che come gruppo spalla erano stati chiamati nientemeno che i Foo Fighters, che all'epoca avevano già consegnato agli anni "One by One".

Caricamento video in corso Link

Il film concerto "Live at Slane Castle" ha fatto storcere il naso a più di un fan, non solo per le manipolazioni in post produzione che hanno cammuffato qualche errore alla chitarra di John Frusciante e stralciato addirittura dalla setlist la bellissima "Soul to Squeeze", funestata durante l'esecuzione dalla rottura di una corta, ma anche per la totale assenza, in scaletta, dei brani inclusi nei primi quattro dischi del gruppo, compreso "Mother's Milk" del 1989, per le session del quale lo stesso Frusciante era già stato chiamato in pianta stabile nella formazione californiana. Al netto di tutto, il set irlandese allo Slane Castle restituisce l'immagine di un gruppo che ha nei palchi di grandi e grandissime proporzioni il proprio habitat naturale. Nonostante le eventuali imperfezioni, che - anzi - li avrebbero resi più umani e meno patinati. E quindi ancora più interessanti...

Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: guardali qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
16 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.