Anche le popstar hanno paura

Le stelle della musica internazionale sensibilizzano i fan sull'emergenza Coronavirus, ora che fa paura anche agli Stati Uniti.
Anche le popstar hanno paura

Le star del pop internazionale "scendono in campo" virtualmente contro il Coronavirus. Dopo Lady Gaga, una delle prime stelle della musica internazionale ad aver sensibilizzato i propri fan sull'emergenza attraverso un post pubblicato su Instagram, ora anche Ariana Grande, Taylor Swift, Justin Bieber e Miley Cyrus - tra gli altri - hanno deciso di farsi sentire, invitando i loro seguaci ad avere un comportamento responsabile di fronte all'emergenza.

Rivolgendosi ai suoi oltre 170 milioni di follower su Instagram, per lo più giovanissimi, Ariana Grande - che ha origini italiane e negli scorsi giorni ha invitato i suoi fan a donare per aiutare la Croce Rossa Italiana - ha scritto in una storia:

"Continuo a sentire da una quantità incredibile di persone frasi del tipo: 'Non è un grosso problema', 'Non ci succederà niente', e tutto ciò mi fa letteralmente impazzire. Leggete cosa sta succedendo, non fate finta di niente. È incredibilmente pericoloso e anche da egoisti prendere questa situazione alla leggera. Il fatto di dire 'siamo giovani, non ci può succedere niente' sta mettendo in pericolo le persone che non sono giovani. Dovreste preoccuparvi degli altri".

Sempre su Instagram, Taylor Swift si è detta molto preoccupata e ha provato a sensibilizzare i suoi fan così:

"Sono preoccupata perché le cose non sono prese seriamente in questo momento. Vedo ancora gente che si incontra e assembramenti in giro. Questo è il momento di annullare tutti i piani, isolarsi il più possibile e considerare che anche se tu non stai male puoi comunque contagiare una persona anziana o più vulnerabile di te. È un momento davvero spaventoso, dobbiamo fare dei sacrifici sociali".

Mark Hoppus dei Blink-182 ha invece fatto sapere che lui e la sua famiglia hanno deciso di mettersi in auto-quarantena:

"Resteremo in casa per tutta la prossima settimana. abbiamo deciso di evitare tutte le visite, gli incontri e gli eventi. vogliamo fare la nostra parte per rallentare la diffusione del virus".

Justin Bieber, condividendo su Instagram il video di uno dei flash mob italiani, con protagonista un trombettista che suona il ritornello di "Imagine" di John Lennon, ha tuonato:

"Potreste avercelo già e non saperlo. Non diffondete la malattia. Restate a casa il più possibile e quando uscite non fatelo in gruppo, evitate i bar, i club, i ristoranti. lavatevi spesso le mani. tenetevi a due metri di distanza dagli altri se vi sentite male. E se ci tenete ai vostri genitori, ai vostri nonni o a qualche amico che potrebbe avere difficoltà, vi prego di restare in casa".

Miley Cyrus preferisce invece la via dell'ironia, per suggerire ai fan a non lasciarsi prendere dal panico ma di essere comunque responsabili: "Wash your damn hands", ha scritto nella sua biografia su Instagram, "lavatevi quelle cazzo di mani".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.