Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Foo Fighters, live al Big Day Out, Sydney, 2000

Il Coronavirus ci ha costretto in casa ma non ci ha fatto passare la voglia di live: in attesa che riprendano le danze, ecco alcune delle più grandi performance di sempre
Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Foo Fighters, live al Big Day Out, Sydney, 2000

Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus Rockol vi propone i migliori concerti dei più grandi artisti internazionali. Mentre guardi gratuitamente questo concerto, puoi contribuire ad aiutare chi sta combattendo contro l'epidemia di Coronavirus. Manda un SMS o chiama da numero fisso il numero solidale della Nazionale Italiana Cantanti: 45527, aggiungendo l'hashtag #iosuonodacasa
Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare personale WINDTRE, Tim, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali.
Da rete fissa, sempre al numero 45527, è possibile donare 5 € o 10 € con Tim, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali, 5 euro con TWT, Convergenze, PosteMobile.
I fondi raccolti sono destinati ad aumentare i posti "unità posto letto rianimazione" (letto, respiratore, pompa, infusionali, monitor) disponibili per l'emergenza Coronavirus (COVID-19) dell'ospedale Niguarda di Milano.

Era uscito da poco "There Is Nothing Left to Lose", disco di rottura nella carriera della band di Dave Grohl: l'ex batterista dei Nirvana, dopo il licenziamento di Franz Stahl - quest'ultimo chiamato a sostituire Pat Smear, uscito dai ranghi circa in anno prima - era rimasto l'unico chitarrista dei Foo Fighters. In pratica in trio, con il fido Nate Mendel al basso e il (relativamente) nuovo acquisto Taylor Hawkins alla batteria. Assetto che in studio funzionò, ma che dal vivo avrebbe potuto rivelarsi troppo scarno per fare breccia. Grohl risolse ingaggiando il chitarrista dei No Use for a Name Chris Shiflett per mettere in piedi uno show da portare in giro per il mondo. E la prova dei palchi gli diede ragione, ancora una volta.

Caricamento video in corso Link

Il concerto tenuto dai Foo Fighters al Big Day Out di Sydney, in Australia, nel 2000, mostra una band in forma strepitosa, potente e compatta, ma sufficientemente cazzona da non prendersi troppo sul serio: Shiflett sarebbe rimasto in formazione in pianta stabile, Smear sarebbe tornato all'ovile poco meno di dieci anni dopo e i Foos sarebbero diventati quella macchina da guerra live capace di riempire gli stadio di tutto il mondo. Come si dice, il resto è storia. Una storia iniziata non da qui, ma quasi...

Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: guardali qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
12 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.