Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Peter Gabriel, 'Secret World Live'

Il Coronavirus ci ha costretto in casa ma non ci ha fatto passare la voglia di live: in attesa che riprendano le danze, ecco alcune delle più grandi performance di sempre
Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: Peter Gabriel, 'Secret World Live'

Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus Rockol vi propone i migliori concerti dei più grandi artisti internazionali. Mentre guardi gratuitamente questo concerto, puoi contribuire ad aiutare chi sta combattendo contro l'epidemia di Coronavirus. Manda un SMS o chiama da numero fisso il numero solidale della Nazionale Italiana Cantanti: 45527, aggiungendo l'hashtag #iosuonodacasa
Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare personale WINDTRE, Tim, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali.
Da rete fissa, sempre al numero 45527, è possibile donare 5 € o 10 € con Tim, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali, 5 euro con TWT, Convergenze, PosteMobile.
I fondi raccolti sono destinati ad aumentare i posti "unità posto letto rianimazione" (letto, respiratore, pompa, infusionali, monitor) disponibili per l'emergenza Coronavirus (COVID-19) dell'ospedale Niguarda di Milano.

L'ex leader dei Genesis fu tutto meno che avaro, con l'Italia, in termini di apparizioni dal vivo nei primi anni Novanta. Prendiamo, per esempio, l'itinerario del Secret World Tour: dopo lo sbarco a Milano e Roma a metà maggio del '93, Peter Gabriel tornò nel nostro Paese per altri cinque appuntamenti in autunno, tra Modena, Roma, Firenze e ancora Milano, in novembre, per poi fare ritorno nel capoluogo lombardo anche l'estate successiva al festival Sonoria, a inizio luglio. E non fu solo questo l'unico privilegio che l'artista di Chobham concesse alla Penisola.

Il 16 e 17 novembre, al Palasport Nuovo di Modena - oggi battezzato PalaPanini - la voce di "Sledgehammer" decise di accendere le telecamere davanti e sopra al palco per fermare su video il sountuoso show concepito con l'aiuto del regista e attore Robert Lepage, che prevedeva soluzioni scenografiche per l'epoca del tutto all'avanguardia come maxischermi mobili, piattaforme automatiche e proiezioni in tempo reale. Una produzione titanica, che all'epoca solo gli U2 - per il tour in supporto all'album "Acthung Baby" - erano stati capaci di portare in spazi indoor.

Ad accompagnare Gabriel sul palco fu una vera e propria dream band composta dal fido Tony Levin al basso, da David Rhodes alla chitarra, Manu Katché alla batteria, Jean-Claude Naimro alle tastiere, Levon Minassian al doudouk, Shankar al violino e una sezione voci composta da Papa Wemba, Reddy Amissi e Stino Mubi, oltre che a Paula Cole, vera e propria protagonista del duetto da brividi sulle note di "Come Talk to Me".

Grandi concerti aspettando che riprendano i concerti: guardali qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.