Emergenza Coronavirus: l'industria musicale incontra il governo per chiedere sostegno. Le richieste del settore

I provvedimenti presi delle autorità per arginare il contagio da Covid-19 stanno mettendo in ginocchio l'industria dell'intrattenimento, specie quello musicale: i rappresentanti del settore chiedono a Roma misure straordinarie per affrontare la crisi

Emergenza Coronavirus: l'industria musicale incontra il governo per chiedere sostegno. Le richieste del settore

Oggi - mercoledì 4 marzo, alle 15 - è in programma al Ministero dei Beni Culturali, a Roma, un incontro tra i rappresentati della filiera culturale italiana e la sottosegretaria del Mibac Anna Laura Orrico per discutere una serie di provvedimenti straordinari da adottare per fare fronte alla gravissima crisi generata dall'emergenza sanitaria esplosa nel nostro Paese lo scorso 23 febbraio: l'ordinanza per arginare il contagio da Coronavirus ha letteralmente messo in ginocchio il settore della musica dal vivo - di fatto "bloccata" nelle regioni del nord Italia da oltre due settimane, con una ripercussione sul comparto di oltre 10 milioni di euro di perdite nei soli primi sette giorni di fermo - riverberandosi in modo affatto positivo anche sulla discografia.

"La situazione più preoccupante è senz'altro quella del live, ma anche l'industria discografica sta facendo fronte a problemi devastanti", ha spiegato a Rockol il presidente di FIMI Enzo Mazza: "Con il blocco agli instore il mercato del fisico ha conosciuto una brusca battuta d'arresto. Tra le nostre proposte c'è quella di allargare il tax credit e farlo diventare universale, per l'industria musicale, così come oggi lo è già per quella cinematografica. Anche perché le diverse filiere sono legate a doppio filo, il segmento del live è consequenziale a quello discografico, colpito in un momento - il primo trimestre del 2020 - immediatamente successivo a un periodo di solida ripresa. Perché purtroppo anche qualche settimana può bastare a compromettere una situazione in modo irreversibile: oggi dobbiamo fare i conti con questa situazione, che sta mettendo a rischio anche la spedizione italiana al South by Southwest 2020. Chiederemo che vengano adottate misure che chiedevamo da tempo, e la cui attuazione possa essere fatta in pochissimo tempo"

"La nostre saranno richieste pragmatiche, perché la rapida attuazione delle misure in una situazione come questa è fondamentale", ha chiarito a Rockol il presidente di AFI Sergio Cerruti: "Per esempio il Bonus Cultura andrebbe rifinanziato e allargato, sia in termini di platea dei beneficiari che di attività convenzionate. E' il tipico esempio di provvedimento emergenziale, non strutturale, che potrebbe rivelarsi efficace in una situazione del genere. Ci sono poi interventi da attuare per mezzo della decontribuzione alle aziende: penso al comparto del live, che al momento è sostanzialmente fermo, e al quale purtroppo non bastarà qualche settimana per una ripresa completa. Certo, come in tutte le crisi, vanno considerati entrambi i lati della medaglia: i contenuti online sulle piattaforme di streaming stanno volando, ma questo fenomeno non basterà affatto a parare il colpo. Occore che vengano presi provvedimenti come la tariffa sulla copia privata, istituiti fondi e programmi come quello - promosso dal MiBac - 'Per chi crea' e varate altre misure strutturali: ho solo il timore che purtroppo sia già tardi, perché tutte le economie del sistema Paese sono collegate, e il nostro è un settore già fragile".

"La parola d'ordine è navigare a vista: per noi che lavoriamo sulle canzoni, che sono veicolo di emozioni, la situazione è tutt'altro che facile", ci ha raccontato il Vicepresidente di PMI e managing director di Carosello Records Dario Giovannini: "I problemi sono diversi: stiamo posticipando delle uscite, e siamo in difficoltà con diverse operazioni - come, per esempio, la spedizione di Diodato all'Eurovision Song Contest - che richiedono investimenti che non solo non danno alcuna certezza di rientro, ma che non possono essere in nessun modo assicurate. Le vendite di biglietti si sono bloccate, e la mia paura è che questo clima persista non solo per ancora qualche giorno o settimana, ma addirittura fino alla fine della prossima estate. La musica non è considerata un bene di prima necessità, e in una situazione del genere il nostro comparto, già debole di suo, rischia il crollo. Siamo certi che la gente abbia voglia di distrarsi, per questo stiamo cercando di lanciare - proprio in questi giorni - le produzioni di nuovi artisti sui canali streaming, ma, ovviamente, si tratta di palliativi. Quello dei concerti sarà un problema da affrontare, perché per un'agenzia che promuove spettacoli dal vivo - proprio come per un bar o un ristorante - uno stop prolungato non è sostenibile. Sono preoccupato: si sta creando un clima di caos, e il caos quasi mai porta a compiere scelte lucide".

Contattata da Rockol, NUOVOIMAIE - che parteciperà all'incontro di oggi al Mibac - ha fatto sapere di "essere pronta a garantire il massimo impegno nella tutela dei suoi associati anche in questo periodo di particolare criticità, facendo sì che la categoria di Artisti, Interpreti ed Esecutori non subisca gravi ripercussioni in ambito professionale". "A favore di tutti gli artisti soci e mandanti residenti nella 'zona rossa' è stato previsto dall'Istituto un assegno una tantum di mille euro a titolo di contributo per lo stato di difficoltà in cui essi versano", ha spiegato il presidente di NUOVOIMAIE Andrea Micciché:  "E’ stato inoltre costituito un Fondo Speciale - il cui esatto ammontare verrà stabilito nel corso della prossima Assemblea - a favore di associati e mandanti che abbiano subìto un danno a causa degli annullamenti degli spettacoli imposti da decreto emanato per contenere l'emergenza sanitaria".

 

Music Biz Cafe, parla Massimo Bonelli (iCompany, Concerto del Primo Maggio)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.