Prozac+, addio a Elisabetta Imelio: i ricordi di amici e colleghi

Sui social l'affetto dei musicisti nei confronti della bassista pordenonese, scomparsa a soli 44 dopo una lotta contro un male incurabile
Prozac+, addio a Elisabetta Imelio: i ricordi di amici e colleghi

Il mondo della musica ha espresso profondissimo cordoglio per la scomparsa di Elisabetta Imelio, quarantaquattrenne bassista pordenonese già in Prozac+ e Sick Tamburo da tempo in lotta contro un male incurabile. Tra le prime voci levatesi in ricordo dell'artista c'è stata - ovviamente - quella di Gian Maria Accusani, cofondatore e chitarrista degli stessi Prozac+ e Sick Tamburo:


Anche Davide Toffolo, leader dei pordenonesi Tre Allegri Ragazzi Morti, ha voluto ricordare la Imelio, sia con un post sulla propria pagina Instagram personale sia con un messaggio postato sulla pagina Facebook della sua band:

Un ricordo della Imelio è stato postato anche sulla pagina ufficiale dei Rezophonic, il collettivo musicale guidato da Mario Riso con il quale la Imelio aveva collaborato nel 2007:

Un commosso tributo è stato offerto sul proprio canale Instagram ufficiale dai Lo Stato Sociale, che avevano preso parte alle session del brano benefico scritto da Accusani "La fine della chemio" incentrato proprio sulla lotta della Imelio al tumore che l'aveva colpita:

View this post on Instagram

“La fine della Chemio" la desideri per mesi, l’attendi come Babbo Natale, come l'arrivo del messia e come il messia sembra non arrivare mai, pensi che non tu non ci arriverai, perché sei stanco e perché come diceva quello dell'utopia: più cammini più si allontanta.Eppure ti sforzi di crederci, perché non devi solo farla, ma devi pure crederci.Devi crederci mentre il tuo corpo cambia come non pensavi fosse possibile, devi crederci pure quando stai una merda e non hai voglia di crederci.Perché la chemio è un impegno, come gli allenamenti per un atleta e ti occupa tutta la giornata, diventando totalizzante.Tutto il resto perde di valore.A quel punto ti sembra di non avere più tempo per nulla, neppure per crederci.Poi per fortuna arriva "La fine della Chemio" ed è una festa.Una festa da condividere con quelli che con te hanno attraversato "le paludi della tristezza". Quelle de "La Storia Infinita", hai presente? Se non hai presente fa nulla, è una favola di altri tempi...Questa invece è una storia di questi tempi qui: un sacco di gente muore di cancro e le cure ad oggi trovate, come la chemioterapia, sono devastanti e spesso insufficienti.Questa canzone parla della storia di una band e della loro amicizia sopra e sotto il palco: i #sicktamburo , ovvero Elisabetta e Gianmaria.Lei si ammala e lui le scrive questa canzone. Magari non li conoscete, ma non potete non conoscere i #prozacpiù di cui loro erano i 2/3. Questa canzone è uscita per la prima volta nel 2017 ma viene ripubblicata con i feat. di tanti altri artisti e noi siamo tra questi. Felici di esserci perché questa è la più grande canzone su uno dei più grandi taboo del nostro tempo. Elisabetta purtroppo è scomparsa questa notte a soli 44 anni ed io voglio chiudere con le sue parole, rubate ad un intervista del 2018:’La situazione è delicata, mi è tornato fuori il tumore, al fegato questa volta.Sono sotto terapia, ma vorrei far capire a chi mi ascolta che la vittoria non sta nello stare in vita o nel morire, nel non avere più il tumore o nell’averlo.Saremmo tutti dei perdenti, altrimenti, perché, presto o tardi, finiamo tutti per morire.La vittoria sta nel decidere di essere felici" #elisabettaimelio

A post shared by Lo Stato Sociale (@lostatosociale) on

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.