Wall Street fa le pulci a Warner: 'Troppo alto il prezzo richiesto per azione'

Wall Street fa le pulci a Warner: 'Troppo alto il prezzo richiesto per azione'
E’ troppo alto il prezzo di collocamento del titolo Warner a Wall Street, fissato dai vertici del gruppo americano tra i 22 e i 24 dollari ad azione (vedi News): lo sostiene l’agenzia Fulcrum Partners, che suggerisce ai potenziali acquirenti di tenersi lontani dalla IPO, se la quotazione non dovesse scendere a livelli più accettabili. Secondo Fulcrum, un prezzo più ragionevole dovrebbe assestarsi intorno ai 18 dollari per azione, o comunque al di sotto dei 20: solo in questo caso, argomenta la società di Wall Street in un documento che analizza l’offerta di Warner, gli investitori potrebbero sperare di ottenere un ritorno minimo del 15 % nell’arco dei dodici mesi. A fondamento delle sue valutazioni, l’agenzia di Borsa cita le stime di mercato riguardanti il 2006 e “i rischi inerenti nel calcolo degli introiti dell’industria musicale, a questo punto del ciclo di trasformazione digitale”. Secondo Fulcrum gli investitori iniziali nella società (tra cui Thomas H. Lee Partners, Bain Capital e Providence Equity Partners, vedi News) hanno già più che recuperato, attraverso dividendi o rimborsi di capitale, il loro stanziamento iniziale da 1,25 miliardi di dollari (necessario per l’acquisto di Warner Music da Time Warner, vedi News), e una IPO che partisse da un prezzo unitario di 18 dollari porterebbe in dote altri 3,4 miliardi di dollari, pari a un ritorno sull’investimento del 173 % (in soli 14 mesi). Un prezzo di questo livello, secondo gli analisti di Wall Street, renderebbe l’acquisto conveniente anche a nuovi investitori, permettendo ai finanziatori iniziali di Warner di continuare a vendere anche in futuro una parte delle quote in loro possesso, come sembra essere nelle loro intenzioni.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.