Coronavirus, l'ordinanza mette in difficoltà i live club del nord. D'Erasmo (Germi): 'Giusto prevenire, ma...'

Lo stop forzato agli eventi di musica dal vivo sta mettendo in ginocchio un comparto poco visibile ma fondamentale nell'ecosistema economico-culturale italiano: ne abbiamo parlato con chi, l'ordinanza, la sta vivendo nel ruolo di addetto ai lavori
Coronavirus, l'ordinanza mette in difficoltà i live club del nord. D'Erasmo (Germi): 'Giusto prevenire, ma...'

Nonostante, al momento, di stime su larga scala dell'impatto generato dall'ordinanza per contenere i contagi da Covid-19 sul settore dell'intrattenimento musicale dal vivo non ne siano state fatte - quattro giorni rappresentano un intervallo troppo breve per elaborare scenari attendibili -, il provvedimento preso dal governo che ha imposto la sospensione di tutti gli spettacoli di musica live nelle regioni di Lombardia, Veneto, Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna e Friuli sta suscitando un dibattito molto sentito, non solo presso il pubblico ma anche nell'ambiente degli addetti ai lavori.

    Nonostante, al momento, di stime su larga scala dell'impatto generato dall'ordinanza per contenere i contagi da Covid-19 sul settore dell'intrattenimento musicale dal vivo non ne siano state fatte - quattro giorni rappresentano un intervallo troppo breve per elaborare scenari attendibili -, il provvedimento preso dal governo che ha imposto la sospensione di tutti gli spettacoli di musica live nelle regioni di Lombardia, Veneto, Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna e Friuli sta suscitando un dibattito molto sentito, non solo presso il pubblico ma anche nell'ambiente degli addetti ai lavori.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.