Ozzy Osbourne, quando chiamò la polizia per sbaglio e sniffò una gran quantità di coca per non buttarla

L’episodio raccontato dall’ex Black Sabbath ha ispirato la canzone ‘It’s a raid’, singolo estratto dal suo nuovo album ‘Ordinary man’
Ozzy Osbourne, quando chiamò la polizia per sbaglio e sniffò una gran quantità di coca per non buttarla

In occasione dell’uscita del nuovo album dell’ex Black Sabbath, “Ordinary man” (leggi qui la nostra recensione) - pubblicato oggi, 21 febbraio - Ozzy Osbourne, ospite di una puntata di SiriusXM, ha parlato della sua più recente fatica discografica e, nello specifico, ha raccontato la storia dietro la canzone "It’s a raid" con Post Malone. Spiegando l’aneddoto che ha ispirato l’ultimo singolo estratto dal nuovo disco di Osbourne, il suo primo in dieci anni, il padrino dell’heavy metal ha narrato di come una volta ha accidentalmente chiamato la polizia e ha sniffato una gran quantità di cocaina per non buttarla via.

Spiegando l’accaduto - avvenuto mentre i Black Sabbath stavano lavorando al loro album “Black Sabbath, Vol.

4”, durante l'estate del 1972, in una casa che avevano affittato a Bel Air - Ozzy ha raccontato: “Stavo seduto lì, fantastico, Bel Air, il sole splendente, cocaina a portata di mano, alcol. Pensavo: ‘Fanculo, ce l’ho fatta!’. Me ne stavo seduto in questa casa e si moriva di caldo. Ho visto questo pulsante sul muro e mi sono detto: ‘Oh, dev’essere l’aria condizionata.’” L’ex Black Sabbath ha poi aggiunto: “Ho premuto il pulsante del cazzo e, in cinque minuti circa, quattro o cinque macchine della polizia con le sirene sono arrivate lungo la strada. Mi sono messo a gridare: ‘È una fottuta retata!’”.

Secondo quanto riferito dalla band, e ripreso da Ultimate Classic Rock, nel corso del 1972 Ozzy Osbourne e soci - impegnati per lavorare al loro quarto album in studio - hanno speso 75 mila dollari in cocaina, 15 mila dollari in più di quanto è costato fare il disco. Ozzy Osbourne, infatti, continuando a raccontare l’episodio che ha ispirato il brano “It’s a raid”, ha detto: “Io e un tecnico abbiamo preso la grossa ciotola piena di cocaina e siamo andati in bagno. Pensavo “Non posso buttarla via, cazzo!’.” Osbourne, imitando l’atto di sniffare più cocaina possibile, ha poi spiegato che così facendo si è ritrovato “strafatto”. “Avevo la cocaina che fuoriusciva dalle mie fottute orecchie”, ha narrato Ozzy, ricordando il momento in cui gli hanno comunicato che la polizia se n’era andata. “Non ho dormito per quattro giorni.”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.