YouTube, nel 2019 pagati ai titolari dei diritti 3 miliardi di dollari

La somma, generata tanto dai servizi a pagamento quanto dalla pubblicità, rappresenta circa il 20% degli introiti generati dalla piattaforma lo scorso anno

YouTube, nel 2019 pagati ai titolari dei diritti 3 miliardi di dollari

Per la prima volta nella sua storia - e, probabilmente, per tornare a disinnescare il dibattito sul value gap, tornato prepotentemente attuale nel contesto del recepimento da parte dei singoli paesi europei delle direttive in merito di diritto d'autore promulgate dal parlamento UE lo scorso marzo - YouTube ha comunicato ufficialmente l'ammontare della somma corrisposta ai titolari dei diritti editoriali dei contenuti musicali resi disponibili sulla propria piattaforma nel corso dell'anno appena concluso.

Tra gennaio e dicembre del 2019 la società controllata da Google ha versato all'industria discografica globale un totale di 3 miliardi di dollari. Un risultato, questo, ottenuto grazie ai "motori gemelli degli abbonamenti e della pubblicità", come dichiarato dall'ad di YouTube Susan Wojcicki, che ha anche precisato come la società stia "collaborando con gli artisti per supportare e facilitare il loro lavoro in ogni fase della loro carriera".

Il dato è stato fornito quasi contestualmente al bilancio relativo al 2019, che ha visto il serivizio fondato nel 2005 da Steve Chen, Jawed Karim e Chad Hurley registrare oltre 15 miliardi di entrate - grazie alle inserzioni pubblicitarie presenti sulla piattaforma - solo negli scorsi dodici mesi. I 3 miliardi "girati" a discografici e artisti rappresentano, quindi, appena il 20% degli introiti iscritti in bilancio nel periodo di riferimento, ma - in ogni caso - un dato sicuramente superiore a quelli fatti segnare nel corso dei due anni precedenti, quando YouTube - ai creatori e produttori di contenuti musicali - versò 1 miliardo e 1 miliardo e 800 milioni di dollari rispettivamente nel 2017 e nel 2018.

Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.