Ozzy Osbourne dice che il Parkinson gli era stato diagnosticato nel 2003

L'ex frontman dei Black Sabbath si dice pronto a tornare per l'ennesima volta.

Ozzy Osbourne dice che il Parkinson gli era stato diagnosticato nel 2003

Un mese dopo aver annunciato di avere il morbo di Parkinson durante una sua apparizione a "Good Morning America", ora l'ex frontman dei Black Sabbath Ozzy Osbourne ha rivelato al Los Angeles Times che il morbo gli era stato diagnosticato per la prima volta già nel 2003.

Dice nella nuova intervista:

“Non sto morendo di Parkinson. Ci ho lavorato per gran parte della mia vita. Ho imbrogliato la morte tante volte. Se domani leggessi, 'Ozzy Osbourne non si è svegliato questa mattina', non diresti 'Oh mio Dio!'. Diresti, 'Beh, alla fine se lo è preso'”.

Ozzy ha notato che le medicine che prende per il tremore gli possono causare una perdita di memoria a breve termine. Si augura di riprendere il suo tour di addio entro la fine dell'anno.

Ha detto ancora al Los Angeles Times: “È stata una carriera incredibile, interessante. Le persone mi hanno liquidato molte volte, ma sono sempre tornato e tornerò anche da questo. Quando? Non lo so.” E sul tornare ad esibirsi dal vivo dice: "Non voglio tornare là fuori finché non sono pronto".

La moglie Sharon ha spiegato in un'intervista su Good Morning America ​​che Ozzy ha "PRKN 2, che è una forma di Parkinson. Ci sono diversi tipi di Parkinson. Non è una condanna a morte, ma influenza alcuni nervi del tuo corpo. È come avere una buona giornata, una buona giornata e poi una brutta giornata."

Della sua malattia Ozzy ha detto:

"Ho un intorpidimento lungo questo braccio per l'intervento chirurgico; le mie gambe continuano a raffreddarsi. Non so se sia il Parkinson o cosa, ma questo è il problema. Perché hanno tagliato i nervi quando hanno fatto l'intervento. Non avevo mai sentito parlare del dolore ai nervi, ed è una sensazione strana."

Quindici anni fa, Ozzy disse che gli era stata diagnosticata la sindrome di Parkin, una condizione genetica che aveva sintomi simili a quelli della malattia di Parkinson, con il tremore. A quel tempo, si disse sollevato dal fatto che i tremori gli provenissero dal Parkin e non da tutta una vita di abusi con le droghe:

“Ho sempre pensato che fosse l'alcool e la roba. Ora ho scoperto che tutto arriva dalla famiglia. Si chiama Parkin ma non è il Parkinson. Qualunque cosa abbia a che fare con il sistema nervoso centrale contiene la parola Parkin. Un medico di Los Angeles ha cercato di dirmi che avevo la sclerosi multipla. E gli ho creduto fino a quando non ho avuto una seconda diagnosi. Quando l'ho detto a mia sorella, lei ha detto, 'Anche tu? Lo aveva mamma, la zia Elsie e tua nonna'. E io, 'Grazie per avermelo detto'. Io che vado in giro pensando di avere una paralisi da droga.”

Il prossimo 21 febbraio uscirà “Ordinary Man”, il suo primo album solista da dieci anni a questa parte.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
19 nov
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.