Riki, dopo Sanremo 2020 insulti omofobi a un critico

L'ex concorrente di Amici insulta un giornalista che ha analizzato il testo del suo brano presentato allo scorso Festival di Sanremo, 'Lo sappiamo entrambi'
Riki, dopo Sanremo 2020 insulti omofobi a un critico

Dopo la polemica nei confronti della giuria demoscopica, Riki è tornato all'onore della cronache per un fatto connesso alla settantesima edizione del Festival di Sanremo: il cantante di Segrate ha infatti attaccato sui social con insulti di matrice omofoba il critico Davide Misiano, che sulle pagine di All Music Italia aveva analizzato il testo di "Lo sappiamo entrambi", brano presentato in gara all'Ariston.

Alla critica di Misiano - "Abbiamo smarrito i soggetti e abbiamo capito meno del monologo della Leotta. Quindi tracciamo tutto con penna rossa, suggerendo: trova pace, con la sintassi e con la vita" - Riki, in un commento al post con la recensione sulla pagina Instagram del detrattore, ha risposto così:

"Hai preso una frase meravigliosa che se fosse stata scritta da un personaggio più brutto e quotato dalla stampa sarebbe considerato un poeta. Il soggetto c’è, la sintassi è giusta. Se c’è una cosa che conosco è la grammatica italiana. Sai cosa? Sono bello e intelligente. Andate in crisi voi brutti e “intellettuali”. Tu sei pure checca e le checche per definizione sono frustrati. Si vede dal tuo sguardo in quella foto"

Misiano, a sua volta, ha replicato:

"(...) scrivi anche che 'le checche per definizione sono frustrati', ma su questo errore di concordanza sorvolerei. Che tu abbia problemi con i 'generi' ci pare evidente, ma noi siamo per la pansessualità"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.