Piero Pelù, 20 mila euro a Renzi per il suo sfogo sul palco del Primo Maggio nel 2014

Durante il Concertone andato in scena a Roma nel 2014 il rocker toscano attaccava l’ex premier e lo definiva: ‘Il non eletto, il boy-scout di Licio Gelli.’
Piero Pelù, 20 mila euro a Renzi per il suo sfogo sul palco del Primo Maggio nel 2014

Era l’1 maggio 2014 e sul palco del Concerto del Primo Maggio di Roma il rocker toscano attaccava - oltre che Berlusconi e Dell’Utri - l’allora primo ministro Matteo Renzi dicendo: “Il non eletto, il boy-scout di Licio Gelli, deve capire che in Italia c’è una guerra interna che si chiama disoccupazione, corruzione, voto di scambio, mafia, camorra, ‘ndrangheta. Il nemico è dentro di noi, forse siamo noi stessi. Gli unici cannoni che ammetto sono quelli che dovrebbe fumarsi Giovanardi.” Stando a quanto riportato questa mattina 10 febbraio dal Corriere della Sera, a distanza di 6 anni Piero Pelù - che, in gara alla settantesima edizione del Festival di Sanremo, è arrivato quinto con il brano “Gigante” - ha firmato un accordo legato da vincolo di riservatezza per risarcire con 20 mila euro l’attuale senatore di Italia Viva, che ha presentato diverse querele, in sede penale e civile, contro le personalità dalle quali si è sentito diffamato durante la sua attività politica.

A seguito dell’accaduto avvenuto sul palco del Concerto nel 2014, Pelù aveva commentato così le sue esternazioni: "Pagherò le conseguenze di quello che ho detto ma non me ne frega nulla.” Il rocker aveva poi aggiunto: “Questi ragazzi hanno bisogno di sentire qualcuno che dica certe cose. Ormai i mezzi di distrazione di massa sono compatti sulla propaganda. Ci vuole una voce fuori dal coro".

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - "Sentendo i Beatles mi si è rovesciato il cervello"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
9 lug
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.