Il meglio e il peggio di Sanremo 2020

Tiriamo le somme su questo festival, nel bene e nel male...
Il meglio e il peggio di Sanremo 2020

"Ma davvero volete sapere il vincitore entro l'1 e mezza? Devo togliere un sacco di cose": Il Festival di Sanremo edizione 2020 sta tutto in questa frase di Amadeus, ai giornalisti, che lo imploravano di chiudere ad un'ora umana. Per il conduttore e direttore artistico era inconcepibile privilegiare la gara a scapito di tutto il resto. D'altra parte se una finale lunga è consuetudine, non si è mai visto un festival così lungo tutte le sere: ospiti, ospiti, ospiti, e ancora gag e gag.

Il peggio: lo spettacolo
Eterno: ha preso il sopravvento su tutto, persino sull'annuncio del vincitore, ritardato di un'ora dopo la chiusura del televoto pur di far spazio a rap in siciliano e cover dei Queen. Surreale: il vincitore è arrivato alle 2.25.

Fiorello a tratti è stato esilarante, il vero conduttore e protagonista (spesso anche nelle conferenze stampa quando veniva usato per distrarre dalle domande dei giornalisti). Spesso ha fatto passaggi lunghi e a vuoto (da cui l'hashtag #stattezitto). Belli anche gli interventi di Tiziano Ferro dedicati alla storia. E poi tutto il resto: ma era davvero necessaria tutta questa roba, dai playback di Albano e Romina, quelli dei Ricchi e Poveri, a (super?) ospiti italiani che abbiamo già visto in tutte le salse?  Va bene che Sanremo è uno spettacolo TV, ma a tratti è sembrato un varietà degli anni '80-'90, con un numero dopo l'altro, senza un legame. E la gara era davvero inesistente, alla faccia del mantra "La musica al centro".

Il meglio: le canzoni
Lo abbiamo detto più volte: un Sanremo ritmato, di buon livello musicale: vittoria stra-meritata.
E le canzoni più classiche a fine  classifica, fatta eccezione per Diodato, - che ha presentato un brano raffinato, con una marcia in più per passione e arrangiamento - e Gabbani, che parte al piano e poi fischietta. Peccato solo che la regia - piatta e senza inventiva - abbia fatto un passo indietro rispetto ai "videoclip dal vivo" in stile Eurovision delle ultime edizioni

Il meglio e il peggio: le polemiche
Un festival senza qualche casino non è un festival: la polemica Tiziano-Ferro è durata un paio di giorni in mancanza di meglio. Che poi è arrivato, in extremis: il colpo di teatro di Morgan, che manda a quel paese Bugo. Poi il giorno dopo conferenze e contro-conferenze. Sanremo al cubo, al suo meglio e al suo peggio.

...E l'anno prossimo?
I dati di share (pompati dalle lunghissime serate) chiamano un Amadeus-Fiorello 2 - in parte già annunciato in diretta: manca solo la conferma ufficiale. Preparatevi...

(gs)

 

Dall'archivio di Rockol - Duccio Forzano racconta la regia del Festival
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.