Ian Anderson sulla reunion dei Jethro Tull: "E' difficile"

Il frontman della band inglese la ritiene praticamente impossibile perché...

Ian Anderson sulla reunion dei Jethro Tull: "E' difficile"

Il frontman dei Jethro Tull Ian Anderson ha le idee molto chiare riguardo una possibile reunion della band inglese e le ha esternate in una intervista rilasciata a Classic Rock.

Ecco cosa ha detto il flauto più noto del prog:

“Sarebbe un palcoscenico terribilmente affollato. E in molti casi quei vecchi membri della band non suonano più e non lo fanno da molti anni. È difficile. Mi sono sempre sentito imbarazzato all'idea di riunire la vecchia band, perché di quale edizione della band stiamo parlando? Scegliere alcune persone e non altre sarebbe favoritismo. E io non ho favoriti.”

E sulla sua band dice:

“Se lo spettacolo è tutto sul repertorio dei Jethro Tull, penso che siano i Jethro Tull. Se hai guardato Wikipedia due o tre anni fa, diceva, 'I Jethro Tull erano...' Ora, quel tempo passato è scomparso, a causa di un riluttante riconoscimento che i Jethro Tull continuano.”

Dice ancora:

“Ho sempre sostenuto che i Jethro Tull non sono finiti più di quanto lo siano i Beatles. I Beatles vendono ancora milioni di dischi e download. La cosa gloriosa nel mondo dell'intrattenimento è che il tuo lavoro sopravvive dopo di te”.

I Jethro Tull porteranno anche in Italia il loro 'The Prog Years' tour il prossimo mese di marzo. Due i loro concerti: il 25 al Teatro Colosseo di Torino e il 27 marzo al Teatro Galleria di Legnano (Mi). Sul palco con Ian Anderson ci saranno David Goodier (basso), John O’Hara (tastiere), Joe Parrish (chitarra) e Scott Hammond (batteria). 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
25 mar
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.