Sanremo 2020: chi è Paolo Palumbo, il rapper con la Sla ospite stasera del Festival

Sul palco dell'Ariston lo chef riscopertosi rapper che racconta la sua battaglia. Ecco la sua storia.

Sanremo 2020: chi è Paolo Palumbo, il rapper con la Sla ospite stasera del Festival

Al Festival di Sanremo 2020 arriva anche Paolo Palumbo. Il 22enne rapper malato di Sla è stato invitato da Amadeus come ospite della settantesima edizione della manifestazione. Salirà sul palco dell'Ariston in occasione della seconda serata. L'anno scorso aveva deciso di presentarsi alle selezioni di Sanremo Giovani con "Io solo Paolo", una canzone sulla sua storia cantata attraverso il comunicatore oculare, lo strumento che gli permette di esprimersi e di comunicare, avendo gli arti bloccati dalla Sla, contro la quale combatte da quattro anni.

A novembre lo chef sardo riscopertosi rapper era partito per Roma, presentandosi alle audizioni di fronte alla commissione musicale del concorso, presieduta da Amadeus e composta dal conduttore e direttore artistico del Festival insieme a Claudio Fasulo, Gianmarco Mazzi, Massimo Martelli e Leonardo De Amicis, ma era stato scartato.

Alla vigilia della sua ospitata sul palco dell'Ariston Paolo Palumbo ha partecipato all'inaugurazione di Casa Siae, raccontando la sua storia e incontrando il presidente Mogol. Palumbo, che ha scritto parole e musica della sua canzone "Io sono Paolo" ("Se esiste una speranza ci voglio provare / per volare mi bastano gli occhi, sono la montagna che va da Maometto / pur restando disteso sul letto", una delle strofe), al Festival sarà accompagnato dal rapper Kumalibre, mentre il cantautore Andrea Cutri dirigerà l'orchestra.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.