Sanremo 2020: le tappe principali della carriera di Diodato, in gara con 'Fai rumore'

Il cantautore torna sul palco dove nel 2014 con "Babilonia" si fece conoscere dal grande pubblico.
Sanremo 2020: le tappe principali della carriera di Diodato, in gara con 'Fai rumore'

Grazie al Festival di Sanremo nel 2014 riuscì a farsi conoscere da un pubblico maggiore rispetto a quello che lo aveva seguito prima che si presentasse in gara tra le "Nuove proposte" con "Babilonia". Ci tornò due anni fa con "Adesso", in coppia con Roy Paci, ottenendo discreti successi e piazzandosi ottavo nella classifica finale. Quest'anno Diodato si ripresenta in gara: lo fa con "Fai rumore". Una canzone con un testo sul tema dell'incomunicabilità che gli scommettitori danno - a sorpresa - tra le principali candidate alla vittoria, insieme a quelle di Anastasio, Alberto Urso e Irene Grandi. Il cantautore (nato in Puglia, ma "adottato" da Roma, dove ha vissuto per diciassette anni fino al 2018, prima di trasferirsi a Milano) l'ha scritta insieme a Edwyn Roberts, già collaboratore di Laura Pausini, mentre la produzione è di Tommaso Colliva, braccio destro dei protagonisti del rock indipendente italiano (a dirigere l'orchestra c'è Rodrigo D'Erasmo, al fianco di Manuel Agnelli negli Afterhours): "Che fai rumore qui / E non lo so se mi fa bene / Se il tuo rumore mi conviene / Ma fai rumore, sì / Che non lo posso sopportare / Questo silenzio innaturale / Tra me e te", canta Diodato nel ritornello.

Il brano, spiega il cantautore, è una canzone d'amore nel senso più ampio del termine e un invito ad abbattere i muri dell’incomunicabilità, a farsi sentire, a non soffocare nel silenzio delle incomprensioni. Anticipa l'uscita del suo nuovo album "Che vita meravigliosa", nei negozi dal 14 febbraio, intitolato come la canzone che Ferzan Ozpetek ha scelto per i titoli di coda del suo ultimo film "La dea fortuna".

Non è la prima volta che una canzone di Diodato - laureato al DAMS di Roma in cinema - viene scelta per essere inserita nella colonna sonora di un film: era successo già nel 2013, prima del suo debutto a Sanremo, quando il regista Daniele Luchetti scelse la sua cover di "Amore che vieni, amore che vai" di Fabrizio De André per il suo film "Anni felici". L'anno scorso, invece, ha reinterpretato "Un'avventura" di Lucio Battisti per i titoli di coda dell'omonimo film di Marco Danielli, con protagonisti Michele Riondino e Laura Chiatti.

Diodato ha esordito ufficialmente nel 2013 con l'album "E forse sono pazzo", seguito nel 2014 dal progetto "A ritrovar bellezza": un disco di cover contente le sue rivisitazioni di canzoni come "Ritornerai" di Bruno Lauzi, "Piove" di Domenico Modugno, "Il cielo" di Lucio Dalla, "Se stasera sono qui" di Luigi Tenco, "Canzone per te" di Sergio Endrigo e "Senza fine" di Gino Paoli. Il suo ultimo album di inediti è "Cosa siamo diventati", uscito nel 2017. All'Ariston ritrova la sua ex compagna Levante, con la quale si è da poco lasciato, anche lei in gara al Festival di Sanremo.

Il testo completo e il video di "Fai rumore" saranno disponibili a breve.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.