Sanremo 2020, Achille Lauro: dagli esordi rap alla svolta di 'Me ne frego'

Dopo "Rolls Royce" l'artista romano torna in gara al Festival: solleverà polemiche anche stavolta?
Sanremo 2020, Achille Lauro: dagli esordi rap alla svolta di 'Me ne frego'

Chi è Achille Lauro? Il rapper di periferia degli esordi? Quello che in "Pour l'amour" mischiava il rap con l'elettronica della trap e la samba? O Quello che in "Rolls Royce" flirtava con il punk e il rock? "Non sono stato me stesso mai", cantava l'artista romano nel testo della canzone in gara al Festival di Sanremo dello scorso anno. Quest'anno Lauro torna sul palco dell'Ariston per raccontare una nuova fase della sua carriera: dal "1969" (così si intitolava l'album di "Rolls Royce", uscito l'anno scorso) al "1990".

Un salto temporale di 21 anni che nel nuovo disco lo vedrà recuperare l'elettropop e la dance della decade delle Spice Girls, Aqua, Gigi D'Agostino e Eiffel 65. "Me ne frego" è il titolo della sua canzone, con un testo in cui Lauro ad un certo punto sembra citare anche "Fotoromanza" di Gianna Nannini: "Sì me ne frego / prenditi gioco di me che ci credo / st'amore è panna montata al veleno" (nella canzone della rocker senese era un gelato, ad essere al veleno).

Sul palco Achille Lauro è accompagnato dal suo inseparabile socio Boss Doms, tra gli autori della canzone (insieme a Frenetik & Orange e al produttore trap Gow Tribe). A dirigere per lui l'orchestra c'è invece Beatrice Antolini, volto femminile del rock indipendente italiano degli Anni Duemila, da ormai due anni componente fissa della band di Vasco Rossi.

Dopo un paio di mixtape, Achille Lauro ha esordito nel 2014 con l'album "Achille idol immortale", pubblicato dalla Roccia Music, l'etichetta fondata da Marracash e Shablo, seguito nel 2015 da "Dio c'è".

Nel 2016 ha pubblicato il terzo album "Ragazzi madre", prima della svolta samba-trap del 2018 con "Pour l'amour", contenente "Angelo blu" (con Cosmo) e la hit "Thoiry remix" con Gemitaiz, Quentin40 e Puritano, tra i punti di riferimento - insieme allo stesso Lauro - della scena hip hop capitolina. Nel 2019 la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2019, il secondo condotto e diretto da Baglioni, solleva polemiche. Nell'occhio del ciclone finisce il testo della canzone: per alcuni, la "Rolls Royce" del titolo non sarebbe altro che una pasticca di ecstasy e Lauro viene accusato di inneggiare alla droga. Alla fine si classifica nono. Arrivato al Festival da outsider, complici anche le stesse polemiche esce dalla settimana sanremese come una popstar (e viene scelto per condurre l'"ExtraFactor"), il programma in onda su Sky dopo "X Factor").

"Me ne frego", la canzone in gara al Festival, sarà contenuta all'interno del nuovo album in studio di Achille Lauro, in uscita nei prossimi mesi. Il 31 ottobre l'artista si esibirà per la prima volta sul palco del Palazzo dello Sport di Roma, la sua città.

Il testo completo e il video di "Me ne frego" saranno disponibili a breve.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.