Dall'indie pop agli inni pop che riempiono i palazzetti

Dopo Calcutta, Tommaso Paradiso e Coez, anche Gazzelle conquista i palasport: il racconto del concerto romano del "Post punk tour".

Dall'indie pop agli inni pop che riempiono i palazzetti

Sembrano lontani i tempi in cui l'indie pop era musica da cameretta ("Theme from the cameretta" era per l'appunto il titolo della prima traccia de "Il sorprendente album d'esordio de I Cani", l'album di Niccolò Contessa che anticipò di qualche anno il boom di Calcutta e dei Thegiornalisti). Oggi tutti gli esponenti della scena, che ha visto Roma tornare ad essere il centro della canzone italiana, dopo aver compiuto il fatidico salto da "indie" a mainstream sono riusciti a conquistare gli spazi che fino a pochissimi tempo fa erano appannaggio esclusivo dei nomi di punta del pop italiano classico: dagli stessi Calcutta e Tommaso Paradiso (dallo scorso autunno solista dopo l'addio alla band), passando per Coez e Carl Brave, fanno tutti numeri che fino a due anni e mezzo fa in pochi avrebbero potuto davvero prevedere. Anche le loro canzoni sono in qualche modo cresciute, adattandosi al nuovo contesto: non più canzoni da cameretta, come potevano essere quelle di "Mainstream" di Calcutta, "Vol. 1" o "Vecchio" dei Thegiornalisti o "Polaroid" di Carl Brave x Franco126, ma inni pop che sembrano scritti apposta per essere cantati a pieni polmoni dai palazzetti gremiti.

Ne sa qualcosa Gazzelle, che è a tutti gli effetti l'ultimo ad essere salito sul treno che ha portato la scena a diventare nel giro di pochissimo tempo il nuovo pop tricolore: lo ha fatto poco prima che quella stessa scena diventasse satura di fenomeni (o presunti tali) pronti a esplodere da un momento all'altro. A distanza di due anni e mezzo dall'esordio con "Superbattito", Flavio Pardini - questo il vero nome del cantautore - ha annunciato il suo primo tour nei palasport (già l'anno scorso si era esibito al Palazzo dello Sport di Roma e al Mediolanum Forum di Assago, a Milano), sette date legate a "Post punk", riedizione del suo secondo album. Il synth-pop semplice ma efficace delle canzoni di "Superbattito", ancora immerse nell'attitudine do-it-yourself e nelle atmosfere di quello che era l'ItPop prima dell'ubriacatura degli ultimi due anni, ha lasciato spazio a un suono spudoratamente pop. Un pop sincero e senza troppi fronzoli, che si adatta ai grandi spazi dei palazzetti mantenendo però una sua identità.

È con "Scintille" che Gazzelle rompe il ghiaccio, sul palco del palasport della sua città: la canta chitarra e voce all'unisono con il pubblico. Per dimostrare che oltre i parka fluo, gli occhiali da sole (non se li toglie mai) e il caschetto con la frangia in stile Gallagher (alla fine del concerto farà partire quel gioiellino che è "Once" di Liam Gallagher, facendosi volere bene), l'immagine con la quale si è fatto conoscere sin dagli esordi e che ancora oggi continua a rappresentarlo - c'è dell'altro. Qualcosa di interessante. Canzoni belle, soprattutto.

E ce ne sono, con le ballate che spiccano sulle altre, da "Nmrpm" (sta per "Non mi ricordi più il mare") a "Quella te", passando per "Smpp" ("Stavi male pure prima"), "Settembre", "Una canzone che non so", "Punk", "Non sei tu". Sembrano riuscirgli meglio dei pezzi più uptempo: lì Gazzelle sembra provare a togliersi di dosso i panni del cantautore malinconico che racconta di quando a cena a casa della ragazza il padre di lei gli diceva cose del tipo "perché non provi a fare un talent, io conosco molto bene il produttore generale" (in "Nmrpm") o della vita in tour che lo ha portato a perdere amori e affetti. Che poi sono le cose che piacciono di più alle ragazzine sedute sugli spalti o in piedi nel parterre, le stesse che quando riconoscono che la voce dell'ospite che a sorpresa raggiunge Gazzelle su "Sopra" è quella di Tommaso Paradiso (il cantautore si butta tra le sue braccia quasi come se fosse un padre artistico) si lasciano andare ad urla da far invidia ai protagonisti dei talent.

"Non c'è niente", "OMG", "Meglio così", "Sayonara", il medley composto da "Stelle filanti", "Greta" e "Martelli" (Gazzelle le canta accompagnato da un quartetto d'archi), "Zucchero filato", "Vita paranoia": il concerto è una sfilza di pezzi che non hanno troppe pretese se non quella di essere cantati a squarciagola da un palasport gremito. Inni pop, appunto. Fino al finale - corale - con "Tutta la vita", che somiglia al manifesto di una generazione, la stessa di Gazzelle, quella di chi ha "tutta la vita davanti" ma rimane fermo a bere birre e a fumare sigarette ai tavolini di un bar. Con gli occhi nascosti dagli occhiali da sole e la testa in cameretta.

di Mattia Marzi

SCALETTA:
"Scintille"
"Non c'è niente"
"OMG"
"Meglio così"
"Sbatti"
"Nmrpm"
"Smpp"
"Settembre"
"Sayonara"
"Stelle filanti/Greta/Martelli"
"Polynesia"
"Zucchero filato"
"Vita paranoia"
"Sopra"
"Una canzone che non so"
"Punk"
"Non sei tu"
"Quella te"
"Scintille" (bis)
"Tutta la vita"

Dall'archivio di Rockol - Concerto del Primo Maggio 2018 a Roma, Gazzelle: la videointervista
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.