Grammy Awards 2020, gli ascolti TV sono stati i peggiori degli ultimi 12 anni

Sul piccolo schermo, dicono i dati, gli Oscar della Musica non sono mai andati così male dal 2008: l'unica ad aver guadagnato dall'ultima 'music's biggest night' è stata Billie Eilish, che oltre a fare incetta di statuette...
Grammy Awards 2020, gli ascolti TV sono stati i peggiori degli ultimi 12 anni

Bisogna ammettere - è vero - che la sorte ci ha messo del suo: la notizia della scomparsa di Kobe Bryant, - l'ex campione NBA morto in un incidente aereo la scorsa domenica a meno di 50 chilometri dallo Staples Center - si è abbattuta sul mondo circa un'ora prima dell'apertura dei sessantaduesimi Grammy Awards, smorzando animi ed entusiasmi e - soprattutto - modificando le abitudini televisive del telespettatore medio americano. Eppure l'ondata emotiva seguita alla tragica perdita del fu asso dei Lakers, da sola, non basta a spiegare la pessima prestazione degli ultimi "Oscar della musica": secondo i dati raccolti da Nielsen l'edizione 2020 della serata di gala storicamente organizzata dall'americana Recording Academy ha fatto segnare gli ascolti televisivi più bassi dal 2008.

La maratona di oltre tre ore trasmessa negli USA dalla CBS quando in Italia erano ormai le due del mattino di lunedì 27 gennaio ha tenuto incollati agli schermi 18,7 milioni di telespettatori, circa il 6% in meno rispetto lo scorso anno, quando da casa la cerimonia era stata seguita da poco meno di 20 milioni di schermi. Il dato resta impressionante se confrontato non ai tempi d'oro della "music's biggest night", ma anche solo all'edizione 2012 dei Grammy, quando la cerimonia di premiazione - all'epoca dominata da Adele, che si portò a casa la bellezza di sei statuette - fu seguita da 40 milioni di spettatori, più del doppio di quelli registrati in occasione dell'ultima edizione.

L'unica a poter dire di essere uscita a testa alta da questa Caporetto discografico-televisiva è Billie Eilish: la giovanissima popstar californiana non solo ha fatto incetta di premi nelle categorie principali, di fatto cancellando dagli annali della manifestazione la favorita della vigilia, Lizzo, ma ha visto anche le sue vendite impennarsi a partire già da domenica 26 gennaio. Alla fine della giornata del suo triondo alla Staples Center il catalogo della Eilish ha fatto segnare - sulle principali piattaforme digitali statunitensi - la vendita di 15mila copie, più del doppio - il 103% in più, per essere precisi - delle 7000 smerciate il giorno prima, sabato 25 gennaio. La prestazione migliora ulteriormente se l'analisi la si restringe al singolo "Bad Guy", che - insieme all'album "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?" - ha permesso alla cantante di sbaragliare la concorrenza nelle categorie principali: la canzone è passata da 1000 copie vendute sabato a 4000 vendute domenica, facendo segnare un incremento di oltre 200 punti percentuali in sole 24 ore. Su un potenziale mercato, occorre tuttavia ricordare, di oltre 300 milioni di persone...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.