Huey Lewis non riesce a cantare e ad esibirsi a causa della sindrome di Meniere

Il cantante californiano racconta gli effetti della malattia e del nuovo album della sua band Huey Lewis and the News

Huey Lewis non riesce a cantare e ad esibirsi a causa della sindrome di Meniere

Huey Lewis, a margine di una recente intervista,  ha raccontato come la sindrome di Ménière lo ha reso incapace di cantare ed esibirsi. Il cantante californiano - parlando del nuovo disco della formazione di “The Power of Love” - ha inoltre spiegato che l'album della band Huey Lewis and the News, in uscita il prossimo 14 febbraio, probabilmente sarà il suo ultimo lavoro discografico.

La sindrome di Ménière, un disturbo dell'orecchio interno che può causare vertigini e acufene, fu diagnosticata ad Huey Lewis ad aprile 2018 dopo che il cantante aveva accusato l'abbassamento della capacità uditiva durante un concerto andato in scena a Dallas. Ricordando lo show di Dallas, Huey Lewis - a margine di un’interviste con John Blackstone per il programma televisivo americano CBS Sunday Morning, in onda il prossimo 26 gennaio - ha raccontato: “Sono salito sul palco ed è stato orribile”. Ha poi aggiunto: “È stato allucinante. Non riuscivo a sentire niente. Cantavo in modo stonato. La notte peggiore della mia vita.”

Sempre nel 2018, a causa della malattia, Lewis aveva annunciato la cancellazione di tutti i concerti della formazione di San Francisco. Ora, i sintomi della sindrome Ménière sono diventati talmente debilitanti che il cantante ha ammesso che sarà difficile per lui registrare o esibirsi ancora in futuro. In un’intervista per il Whitefish Review, ripresa dalla rivista Consequence of Sound, Huey Lewis ha spiegato: “È ormai un anno e otto mesi, ed è terribile. Non riesco a sentire la musica. È abbastanza difficile ascoltare un discorso. Ma la musica è impossibile. A volte riesco a stare meglio in realtà, e penso ‘Oh mio Dio, quasi posso cantare.’ E ho cantato un paio di volte negli ultimi due anni, quando l’udito era migliorato. E ho cantato una canzone in acustico. Ma non ce l’avrei fatta per un set.”

Tra le altre cose Lewis ha anche svelato che la sindrome lo ha portato a soffrire di una grave depressione: “Nei primi due mesi avevo tendenze suicide. Posso confidartelo onestamente. Ho pensato, c…., mi suiciderò. In realtà, ho contemplato la mia morte. Sai, le pillole. Ho pensato che le pillole fossero il modo più facile per andarmene. Voglio dire, l’avrei fatto? Non lo so.”

Il nuovo album della band Huey Lewis and the News si intitolerà "Weather" e farà seguito al disco del 2001, “Plan B”. In attessa dell'uscita del nuovo lavoro discografico della band di San Francisco, Lewis e soci hanno pubblicato i singoli "Her Love is Killin’ Me" e “While We’re Young”.

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.