Pirateria, il governo finanzia un nuovo spot e rilancia sull'Iva

Ha preso il via, anche in televisione (con uno spot che vede ancora in veste di testimonial Giorgio Faletti), la nuova iniziativa istituzionale contro la pirateria multimediale lanciata dal governo italiano.

La campagna, che prevede un investimento di 131 mila euro distribuito su tutti i mezzi di informazione (stampa, radio e televisione), nasce dal tentativo di contrastare un fenomeno che, secondo le stime rese note lunedì scorso (2 maggio) dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Paolo Buonaiuti, sottrae ad artisti, autori e industria 1 miliardo e 300 milioni di euro all’anno. Buonaiuti e Mauro Masi, segretario generale alla Presidenza del Consiglio, hanno ricordato nell’occasione che l’esecutivo si è nuovamente attivato a livello europeo per richiedere una riduzione dell’IVA applicata sul prezzo di vendita dei Cd, ritenendola un deterrente efficace alla crescita della musica “pirata”. .


Intanto la FPM (Federazione contro la Pirateria Musicale) informa che in testa alla produzione ed esportazione di prodotti audiovisivi contraffatti c’è attualmente la Cina, con un giro d’affari da 400 milioni di dollari, seguita da Russia (240 milioni di dollari) e Brasile (215 milioni di dollari). I dati più recenti di FIMI/FPM sostengono che 11,4 milioni di italiani posseggono Cd duplicati e che 1,7 milioni acquista regolarmente compact disc masterizzati (il 60 % sulle bancarelle). Contemporaneamente, 3,8 milioni di persone scaricano file da Internet: il 55 % dei cittadini, contro il 48 % del dicembre 2003, è tuttavia consapevole che il download non autorizzato è un reato.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.