John Entwistle: esce la biografia 'The Ox'

Il libro sulla vita del bassista degli Who scomparso nel giugno del 2002 è stata scritta da Paul Rees.
John Entwistle: esce la biografia 'The Ox'

Sarà pubblicata il prossimo 7 aprile la prima biografia del bassista degli Who John Entwistle. Il libro, che esce in completo accordo con la famiglia, è stato scritto dallo scrittore e giornalista Paul Rees, e si intitola “The Ox”, uno dei soprannomi del musicista inglese scomparso il 27 giugno 2002.

Entwistle ha contribuito a creare con il batterista Keith Moon alla sezione ritmica degli Who e ha scritto per la band inglese canzoni come "My Wife", presente nell'album “Who's Next” del 1971, oppure "Cousin Kevin" e "Fiddle About" per “Tommy” del 1969. Anche se la sua canzone più nota è senza dubbio “Boris the Spider”.

Questo il comunicato che annuncia l'uscita del libro:

"Entwistle rimane una figura enigmatica ma innegabilmente influente, rinomata tanto per il suo immenso talento quanto per il suo personaggio gloriosamente sovradimensionato. Negli anni successivi alla sua morte, il suo duraturo retaggio è stato attentamente custodito dai suoi cari, per impedire a potenziali biografi di ottenere un accesso abbastanza vicino da scrivere un resoconto definitivo della sua straordinaria vita, almeno fino ad ora. Per la prima volta, e con la piena collaborazione della famiglia Entwistle, 'The Ox' fa luce su una delle figure più importanti della storia del rock. Attingendo ai suoi appunti per un'autobiografia incompiuta, nonché ai suoi archivi personali e alle interviste con la sua famiglia e i suoi amici, 'The Ox' offre ai lettori uno sguardo mai visto prima dei due distinti poli di John Entwistle. Da un lato, era la rock star incarnata, più grande della vita, ossessionata da una colpa, orgogliosa e quasi provocatoria. Esagerato con il denaro, come noto inviò auto americane d'epoca da una parte all'altra dell'Atlantico senza avere la patente di guida, costruì grandissimi bar in ogni casa di sua proprietà e accumulò straordinarie collezioni, dalle armature e le armi ai suoi stivali brevettati con tacco cubano. Ma era anche un uomo dai gusti semplici. Era un padre devoto e un uomo di famiglia che non amava altro che svegliarsi con una classica colazione inglese oppure fare una cena a base di pesce, patatine e una pinta nel suo pub. Dopo la sua prematura morte, molte di queste storie sono state rinchiuse nei ricordi della sua famiglia e dei suoi amici.”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.