Festival di Sanremo: noi spettatori rischiamo l'indigestione

Una zuppa inglese di cantanti, ospiti, attori, giornalisti, ballerini... e in tutto questo le canzoni che spazio avranno?

Festival di Sanremo: noi spettatori rischiamo l'indigestione

In un altro articolo abbiamo riassunto i contenuti più prettamente musicali annunciati oggi nella conferenza stampa ufficiale del Festival di Sanremo.
Seguendo l'intera conferenza in streaming, mi è salita l'ansia. Sembra che le cinque serate del Festival 2020 si preannuncino affollatissime - troppo affollate. E temo che ne risulterà una gigantesca, ipercalorica zuppa inglese, che a fine serata - e a fine settimana - possa rimanerci sullo stomaco. Ospiti cantanti italiani (ma perché? se uno vuole venire a Sanremo venga in gara…), ospiti cantanti internazionali, cantanti "residenti" che ogni sera canteranno una canzone (Tiziano Ferro), attori, cantanti invitati in quanto attori (Emma), giornalisti, intrattenitori, ballerini, coreografi, e sicuramente non mancheranno persone connesse a altri ambienti non necessariamente dello spettacolo.
(A questo proposito, sono grato ad Amadeus per aver cancellato la cosiddetta, sedicente, "giuria di qualità": un elemento fastidiosissimo che purtroppo, in passato, ha condizionato la classifica finale delle canzoni. E' davvero un bene che non ci sia più. Non che io veda di buon occhio l'esistenza di una giuria della sala stampa, purtroppo confermata anche quest'anno; ma su questo argomento avrò modo di tornare).
Appare comunque sempre più evidente che in tutto questo marasma la gara delle canzoni (che, purtroppo, sarà invece una gara di cantanti) passerà in secondo piano - e quella fra i Giovani rimarrà sullo sfondo. E a me dispiace, come credo dovrebbe dispiacere a chiunque segua la manifestazione con lo spirito dello storico della canzone italiana - o più semplicemente come appassionato di canzoni.
Le canzoni in gara non le abbiamo ancora sentite, e posso solo augurarmi che siano buone canzoni. Ma, ripeto, la sensazione è che sopra alla competizione festivaliera, che dovrebbe essere la vera protagonista, si stiano affastellando decine di altri contenuti che renderanno indigesta la zuppa inglese. E che ci impediranno per cinque sere consecutive di andare a dormire a un'ora decente, oltre che confondere le idee agli spettatori.
Non ho preconcetti, di solito, quindi aspetto di vedere come andrà. A Festival terminato, magari tireremo le somme.

Franco Zanetti

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.