Del perché i Led Zeppelin non poterono più suonare a Boston

La band inglese doveva esibirsi nel febbraio del 1975, ma accadde un qualcosa che li tenne lontani dalla città statunitense...per sempre.

Del perché i Led Zeppelin non poterono più suonare a Boston

Nel quotidiano appuntamento con i follower del suo account Instagram il chitarrista dei Led Zeppelin Jimmy Page ha dichiarato di non sapere che la band inglese nel 1975 era stata bandita dalla città di Boston.

Ha appreso la cosa mentre era alla ricerca di notizie su un blog in occasione del 45esimo anniversario di una sommossa che ci fu a Boston il 6 gennaio 1975, mentre i fan aspettavano che i biglietti per il loro concerto che si sarebbe dovuto tenere il successivo 4 febbraio fossero messi in vendita.

Ecco il messaggio pubblicato da Page su Instagram:

“In questo giorno, nel 1975, avevo in programma di suonare al Boston Garden. Durante le ricerche per il mio sito web, ho scoperto che il 6 gennaio 1975 si verificò un incidente al botteghino del Boston Garden, che aveva comportato una vendita/non vendita di biglietti a migliaia di fan. Venne chiamata la polizia e il tutto si concluse con l'annullamento del concerto spettacolo dei Led Zeppelin da parte del sindaco Kevin H. White (che vide rosso) e, addirittura, apparentemente con il divieto per la band valido per cinque anni di esibirsi in quel locale. Ero beatamente inconsapevole di tutte queste sciocchezze, ma il sindaco era, a tutti gli effetti, un fan dei Rolling Stones!”.

Nel 2015, il giornalista Steven Davis, che seguì il tour dei Led Zeppelin nel 1975, ha raccontato la sua versione dell'accaduto a radio WGBH di Boston, dopo che venne annunciata la messa in vendita dei biglietti per il concerto la mattina del 7 gennaio. A causa della bassa temperatura atmosferica, il personale del locale permise ai fan che si erano messi in fila durante la notte di poter attendere l'apertura della vendita all'interno.

Questo il racconto:

“Ben presto si passavano bottiglie di vino di mele Boons Farm e Ripple, un altro tipo di vino che c'era al tempo, e si fumavano spinelli e diventarono chiassosi. I ragazzi entrarono nei chioschi della birra e iniziarono a prendersi da mangiare. E quando iniziò il turno successivo (della security), girarono le manichette antincendio su di loro, quindi (i fan) girarono le manichette antincendio sul Boston Garden e iniziarono a dare fuoco ai seggiolini... Era proprio come se il posto fosse stato bombardato”.

I rapporti sostennero che ci volle una squadra antisommossa impegnata fino alle 5.30 del mattino per guadagnare il pieno controllo della situazione, alla fine si stimarono danni per un ammontare di 30.000 dollari. Quando arrivò, il sindaco White 'vide i seggiolini bruciati, la pista di hockey allagata e gli stand tutti rotti, allora disse: 'I Led Zeppelin non suoneranno mai più a Boston'”.

Il divieto per la band inglese durò praticamente per sempre. Infatti I Led Zeppelin non si esibirono mai più a Boston. Il gruppo si sciolse dopo la morte del batterista John Bonham nel 1980.

Dall'archivio di Rockol - Chi ha dato il nome ai Led Zeppelin?
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.