Rolling Stones, quella versione di ‘Brown sugar' con Eric Clapton

Una chicca tratta dai materiali bonus inclusi nella ristampa del disco ‘Sticky fingers’
Rolling Stones, quella versione di ‘Brown sugar' con Eric Clapton

Il 18 dicembre del 1970, durante una festa di compleanno organizzata per Keith Richards, presso gli Olympic Studios di Londra è stata incisa una versione della canzone “Brown Sugar” dei Rolling Stones che vede ospiti Eric Clapton e Al Kooper. Il singolo della band britannica incluso nell’album “Sticky fingers” del 1971 venne invece registrato durante una sessione di tre giorni, tra il 2 e il 4 dicembre 1969, che si svolse al Muscle Shoals Sound Studio di Sheffield, Alabama.

La canzone “Brown Sugar” è accreditata, come la maggior parte delle composizioni dei Rolling Stones, a Mick Jagger e Keith Richards anche se è principalmente opera del cantante della formazione britannica. Come spiegato da Jagger, “Il testo racconta la doppia combinazione di droghe e ragazze. Questa canzone è stata una cosa istantanea.” Mick Jagger ha probabilmente scritto il brano pensando a Marsha Hunt, poi madre della sua prima figlia Karis, e a Claudia Lennear - che come raccontato da lei stessa, gli era accanto durante la stesura del pezzo.

In un’intervista per la rivista americana Rolling Stone del 14 dicembre 1995, Mick Jagger ha parlato a lungo della canzone “Brown sugar”, spiegando di aver scritto lui stesso il testo del brano. Secondo Jagger il successo riscosso dal pezzo è attribuibile alla combinazione di diversi argomenti osceni trattati nei versi della canzone. Il cantante dei Rolling Stones ha spiegato a Jann Wenner: “Dio solo sa di cosa sto parlando in quella canzone. È una tale confusione. Tanti argomenti osceni in un colpo solo. Ora non scriverei mai una canzone così.” E ha aggiunto: “Probabilmente mi censurerei. Penserei: ‘Dio, non posso. Devo smetterla. Non posso scrivere solo in questo modo’.”

La versione del pezzo della band britannica con Slowhand alla chitarra slide e Kooper al piano - pur essendo circolata per anni in diversi bootleg e quindi non sconosciuta ai fan più appassionati - è stata condivisa dai Rolling Stones nel 2015 e tratta dai materiali bonus inclusi nell'edizione deluxe di "Sticky fingers”.

Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - Quella volta che i Rolling Stones subirono un attentato terroristico...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.