Il Natale secondo Nick Cave: 'Non sono cristiano, ma pregherò'

Il leader dei Bad Seeds su Red Hand Files: 'La festa è il residuo di una cultura in evaporazione a cui un tempo appartenevo. Ma andrò lo stesso in chiesa a inginocchiarmi, perché...'

Il Natale secondo Nick Cave: 'Non sono cristiano, ma pregherò'

Nel suo fitto rapporto telematico - epistolare con i suoi fan, il leader dei Bad Seeds non poteva far mancare una riflessione sul Natale: a due fan che gli hanno chiesto cosa provi e come intenda celebrare la più importante festività cristiana, Nick Cave ha risposto con una lunga lettera aperta pubblicata sul suo sito Red Hand Files.

"Il Natale, per me, è il residuo di una cultura in evaporazione a cui un tempo appartenevo", ha spiegato il cantautore australiano: "Non sono cristiano, ma resto collegato alla sua cultura, personalmente, nostalgicamente e sentimentalmente. Non è l'unica cultura disponibile, quella cristiana: ce ne sono altre, ugualmente valide o non valide, sia religiose che secolari. Ma, per me, che sono cresciuto in una famiglia anglicana, che ha cantato nel coro della chiesa, e che per molto tempo è stato affascinato dalle scritture cristiane e dalla storia cristiana, pur in tutta la sua bizzarria e l'implausibilità, il Natale ha un grande significato. Cristo continua a muoversi attraverso la mia immaginazione, come un fantasma vaporoso che fa cenno alle ombre, e la sua storia mi colpisce profondamente. Gesù è un'assurdità che continua a sorgere misteriosamente dal mio desiderio di conforto spirituale, in un universo che non riesco a capire".

"Cristo è un simbolo del nostro imperfetto e limitato tentativo di comprendere l'eternità, e affronta la vulnerabilità dell'umanità stessa", ha proseguito Cave: "Probabilmente non dovremmo guardare alla storia cristiana come simbolo della nostra ingenuità o ignoranza: piuttosto, la dovremmo apprezzare come tentativo di  comprendere l'incomprensibile".

"Mentre il mondo cristiano si ritira nelle chiese e nelle cattedrali, mentre tutte le notevoli nozioni di Cristo svaniscono dalla nostra cultura e il Natale diventa esclusivo appannaggio di un uomo in sovrappeso vestito con un abito rosso della Coca-Cola (che potrebbe anche lui avere i giorni contati) andrò in chiesa, a Natale", ha concluso Cave: "Mi inginocchierò davanti alle tracce sbiadite di un'idea superata chiamata trascendenza spirituale e al nostro bellissimo e commovente tentativo di umanizzare il dramma cosmico estatico, e pregherò".

Dall'archivio di Rockol - "Red Right Hand" (da "Distant sky - Live in Copenaghen")
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
20 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.