Beyoncé shock. Il padre: 'Mia figlia e Kelly Rowland molestate'

La rivelazione del padre della popstar: l'episodio sarebbe avvenuto nel periodo in cui le ragazze erano in tour con un'altra band...

Beyoncé shock. Il padre: 'Mia figlia e Kelly Rowland molestate'

Beyoncé e Kelly Rowland vittime di molestie ai tempi dei primi successi delle Destiny's Child. È quanto riferisce il padre della voce di "Listen", Mathew Knowles, in un'intervista concessa al portale VladTV, fondato da Dj Vlad, molto seguito in rete. Knowles, che all'epoca era manager del trio salito alla ribalta alla fine degli Anni '90 grazie a hit come "No, no, no", "Bills, bills, bills" e "Say my name", racconta di essere stato costretto a prendere provvedimenti nei confronti dei presunti molestatori, persone che erano molto vicine - in quel periodo - a Beyoncé e compagne.

Le molestie risalirebbero al periodo in cui le Destiny's Child erano in tour insieme ai Jagged Edge, gruppo r&b di Atlanta composto da Brian e Brandon Casey, Richard Wingo e Kyle Norman, che cin "Let's get married" stava riscuotendo successi nelle classifiche. Sarebbero stati proprio due membri dei Jagged Edge a molestare Beyoncé e Kelly Rowland, stando alle dichiarazioni di Mathew Knowles:

"Le ragazze erano minorenni. Avevano 16 anni... I ragazzi invece avevano 21 o 22 anni. Avevo un dovere fiduciario con i minori. Ricevetti una telefonata da Kelly e Beoncé e mi dissero che venivano costantemente molestate da due membri dei Jagged Edge. Non potevo permettere che accadesse una cosa del genere. Ho dovuto letteralmente sbattere i ragazzi fuori dal bus, a Baton Rouge, in Louisiana".

Per ora, nessuno dei diretti interessati ha risposto alle dichiarazioni del padre di Beyoncé.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.