Che cos’è il Whamageddon (e come sopravvivere a "Last Christmas" degli Wham!)

Le regole e la storia del gioco che prevede di non ascoltare la canzone per tutto il mese, fino a Natale. Operazione impossibile, o quasi...

Che cos’è il Whamageddon (e come sopravvivere a "Last Christmas" degli Wham!)

Benvenuti all’annuale appuntamento con il “Whamageddon”. Siamo all'11 dicembre: siete sopravvissuti fin qua? Ce la farete a resistere fino al 24?

La spiegazione più semplice del Whamageddon è questa: passare il mese di dicembre. fino a Natale, senza mai ascoltare “Last Christmas” degli Wham!, neanche per caso. Operazione quasi impossibile, vista l’onnipresenza di questa canzone natalizia: sui social, nei negozi, in giro. Quest’anno è ancora più difficile, visto che c’è un film che prende spunto dal brano e dalle canzoni di George Michael.

Secondo Know Your Meme, abbiamo passato il 10° anno di questo gioco virale, che ha iniziato a diffondersi su un forum nel 2010, con le regole attuali (ma con scadenza al 31 dicembre). Nel 2016 è stato creato il sto whamagedddon.com, che ha codificato le regole; negli anni successivi ha preso definitivamente piede, anche grazie alla spinta di alcuni personaggi pubblici sui social. L’anno di svolta è stato il 2018, grazie ad un tweet del cabarattista Romesh Ranganathan: da lì in poi, è finito sui media mainstream.

Perché proprio “Last christmas”?: lo spiega bene il collega Paolo Madeddu, che ha dedicato una bellissima esegesi al video (prendetevi 10 minuti e leggetela: potete farlo anche senza ascoltare la canzone, e quindi rimanere in gara)

È possibile che IL film natalizio di sempre sia La vita è meravigliosa. È probabile che LA canzone natalizia di sempre sia Happy Xmas di John Lennon. È certo che IL video natalizio di sempre è Last Christmas degli Wham. Un depliant dell’estetica anni Ottanta, delle settimane bianche dalle quali la maggior parte di noi veniva sapientemente esclusa e di una finzione che si annidava dappertutto: finta l’eterosessualità di Giorgione, finte le spalle sotto giacche e maglioni, e finto anche il testo, perché in origine si chiamava Last Easter, poi la casa discografica prese Giorgione per l’orecchino e gli fece capire il modo migliore per consegnare la canzone alla Storia.

La canzone e il video (472 milioni di visualizzazioni su YouTube) negli ultimi anni ha generato una quantità quasi infinita di riletture (ce n’è persino una di Francesco Gabbani...) e  meme. Vi segnaliamo questa: il testo del brano riscritto con nomi profili Facebook, a partire da quello di Gayview Mahat (occhio, se cliccate parte l’audio della canzone e avete finito il gioco!) 

Queste le regole ufficiali, se siete arrivati vivi fin qua:

  • L'obiettivo è di resistere più a lungo possibile senza ascoltare il classico natalizio degli Wham!  “Last Christmas"
  • Il gioco inizia il 1° dicembre e termina alla mezzanotte del 24 dicembre.
  • Vale solo la versione originale. Remix e copertine non comportano il whamaggedon
  • Sei eliminato non appena senti la canzone e la riconosci.
  • La Regola bonus: Pubblica sui social media con l'hashtag #whamageddon quando vieni colpito.
  • Infine: È un gioco di sopravvivenza, non una battle royale in cui eliminare gli amici. Non si può impedire di mandare deliberatamente  gli amici a Whamhalla, ma meglio non fare gli stronzi.

Buon Whamageddon!

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.