Apple TV+, un documentario sulle molestie sessuali nell’industria musicale

Il film uscirà l'anno prossimo e vede la collaborazione di Oprah Winfrey,

Apple TV+, un documentario sulle molestie sessuali nell’industria musicale

Apple TV+, il servizio streaming video di Apple lanciato lo scorso 1° novembre, si espande nei documentari. Secondo quanto riporta l’Hollywood Reporter, Apple TV+ ha commissionato un film sulle molestie sessuali nell’industria musicale: il documentario è ancora senza titolo, ma sarà curato dai registi Amy Ziering e Kirby Dick, con un’introduzione di Oprah Winfrey, che già collabora con la piattaforma. 

L'Hollywood Reporter riferisce che il documentario racconterà la storia di un ex dirigente dell’industria musicale nel processo di decisione se rendere pubblica la sua storia di aggressioni e abusi da parte di una figura di spicco nel settore della musica.

Il documentario sarà prodotto dalla Jane Doe Films con la Winfrey, assieme a Terry Wood, Dan Cogan, Regina K. Scully, Ian Darling e Abigail Disne, con la collaborazione di Jamie Rogers e Amy Herdy.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.