Artist First, dal 2020 finanziamento con un minibond

'Operazione che si inserisce in un contesto di continua crescita', commenta il fondatore a ad della società Claudio Ferrante, che ha come obbiettivo la quotazione in borsa

Artist First, dal 2020 finanziamento con un minibond

A partire dal gennaio del prossimo anno la A1 Entertainment s.p.a., società fondata e diretta da Claudio Ferrante nel 2009 conosciuta con il marchio Artist First, emetterà minibond short term per il mercato extramot pro3 con l’obiettivo di finanziare l’acquisizione di nuovi progetti sul digitale. L’operazione, seguita dall'Advisor Arpe Group e dallo Studio Frigiolini&Partners Merchant, prevede quattro tranche di emissione, per un totale complessivo di 2 milioni di euro. La prima, da 500.000 euro, sarà emessa a gennaio 2020: la seconda seguirà a luglio 2020.

Claudio Ferrante, Fondatore e CEO dell’azienda, ha dichiarato:

“A1 Entertainment è stata fondata dieci anni fa per offrire una valida alternativa al sistema distributivo musicale italiano e proporre servizi innovativi agli artisti, attraversando cambiamenti epocali nel mondo della musica con un ruolo da protagonista. Questa operazione, realizzata a 10 anni dalla fondazione della società, si inserisce in un contesto di continua crescita dell’azienda, che mira a raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi in Italia e all’estero”.

Come si legge nella nota diffusa oggi, martedì 3 dicembre, rientra nel percorso di avvicinamento al mercato dei capitali da parte della società, con una possibile quotazione sulla borsa di Milano tra due anni.

A1 Entertainment ha recentemente acquisito il 33% delle quote della 432 Srl, società di management che segue, tra gli altri, LeVibrazioni, Francesco Gabbani e Francesco Tricarico, diversificando le proprie attività con l'ingresso nel segmento del booking live e del management.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.